toggle menu
QS Edizioni - venerdì 10 luglio 2020

Regioni e Asl - Marche

Vertenza Asur. Direzioni Aziendale e Aree Vaste chiedono pausa di riflessione su proposte dell’Intersindacale

immagine 19 febbraio - L’Intersindacale Asur ha presentato alle Direzioni di Asur Marche e delle Aree Vaste il testo di un preambolo, propedeutico alla sottoscrizione dei Contratti Integrativi Aziendali. Nel documento si richiamano le modalità per la definizione dei contratti e si precisano modi e tempi per comunicare ai Sindacati i dati necessari per la costruzione dei Fondi contrattuali dal 2010 al 2019. La prossima settimana si torna al confronto. IL DOCUMENTO
Ancora irrisolta la vertenza in corso nelle Marche tra Intersindale e Asur. Ieri, nel corso di un incontro, l’Intersindacale Asur ha proposto alle Direzioni di Asur Marche e delle Aree Vaste il testo di un preambolo, propedeutico alla sottoscrizione dei Contratti Integrativi Aziendali. La Direzione Generale dell’Asur e delle Aree Vaste, riferisce l’Intersindacale, “si sono riservate di verificare i contenuti del documento proposto” e “provvederanno a riconvocare le Organizzazioni Sindacali la prossima settimana”.
 
Il documento proposto, spiega l’Intersindacale, “partendo dal rispetto degli accordi sottoscritti con il verbale del 29 gennaio scorso, ripropone in termini chiari le modalità per la definizione dei contratti stessi dando, in primo luogo “attuazione a quanto già previsto nell'accordo ASUR dell’ 8.04.2019 , riguardante i colleghi che hanno superato i 5 anni di attività di servizio ai quali non è stato conferito un incarico diverso dal 27 d e che percepiscono ancora nel 2019 una voce stipendiale” inferiore a quella prevista dal Contratto di Lavoro , oltre a quanto concordato nel verbale del 29 gennaio".

“Il medesimo Preambolo - spiega ancora l’Intersindacale -, inoltre contiene una serie di precisazioni attinenti i modi e tempi per comunicare ai Sindacati i dati necessari per la costruzione dei Fondi contrattuali dal 2010 al 2019 ,necessari per definire quanti sono i residui da erogare e la attivazione dei tavoli tecnici per definire la consistenza dei fondi prima dell'avvio della contrattazione del CCNL sottoscritto il 19.12.2019 a Roma”.
19 febbraio 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata