toggle menu
QS Edizioni - martedì 26 maggio 2020

Regioni e Asl - Piemonte

Torino. Aumentano le nascite al Sant’Anna. Attivato supporto psicologico contro stress da covid

immagine 27 marzo - I parti dal 23 febbraio al 17 marzo di quest'anno sono stati 462 rispetto ai 394 dello stesso periodo del 2019. I nati sono stati 478, mentre nello stesso periodo dell'anno scorso erano stati 409. E per far fronte alle paure legate all’emergenza Covid, nasce “In contatto”, Servizio di supporto psicologico telefonico per donne in gravidanza o in puerperio.
All'ospedale Sant'Anna di Torino aumentano i nati rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. I parti dal 23 febbraio (circa l'inizio dell'emergenza) al 17 marzo di quest'anno sono stati: 462 (249 maschi e 229 femmine) rispetto ai 394 dello stesso periodo del 2019. I nati sono stati 478, mentre nello stesso periodo dell'anno scorso erano stati 409, quindi 69 bambini in più. I nomi più gettonati sono Leonardo, Lorenzo, Gabriele, Mattia per i maschi, Alice e Matilde per le femmine. Lo riferisce l’ospedale in una nota in cui si annuncia l’abbia di un servizio di supporto psicologico contro stress da covid.
 
“In questo momento storico legato all'emergenza del Covid-19”, spiega la nota, “nasce “In contatto”: il Servizio di supporto telefonico e via mail per tutte le donne in gravidanza o in puerperio afferenti all'ospedale Sant'Anna di Torino”. Il Servizio é stato attivato da parte della Psicologia Clinica della Città della Salute di Torino, che si é organizzata per seguire le proprie pazienti in remoto a domicilio, senza farle andare in ospedale e senza metterle a rischio contagio. Insomma se la paziente non può venire in ospedale per motivi precauzionali e di sicurezza, é l'ospedale che va a trovarla a casa.
 
“La gravidanza ed il puerperio - si evidenzia nella nota - rappresentano una fase delicata nel ciclo di vita della donna e delle coppie. L'attuale situazione di emergenza COVID-19 può esporre le donne ad un incremento dei vissuti di stress, preoccupazione, ansia e solitudine, correlate all'isolamento imposto dalle restrizioni necessarie ed al limitato accesso ai Servizi esistenti sia presso l'ospedale che sul territorio”.

Il supporto psicologico è rivolto alle donne che sono costrette nella difficile condizione di isolamento domiciliare a causa della situazione attuale legata al Covid-19, perché la situazione di emergenza e di rischio può esporre a reazioni emotive e di forte disagio psicologico, in fasi del ciclo di vita della donna così delicate, complesse e ad elevato impatto emotivo.
 
Il servizio di consulenza ed eventuale successiva presa in carico telefonica può fornire uno spazio di ascolto, accoglienza e condivisione delle emozioni, che accompagnano la gravidanza e di sostegno importante nel percorso della genitorialità. Per accedere al Servizio le donne interessate possono inviare una mail all'indirizzo: psicologiaperinatale@cittadellasalute.to.it indicando un recapito telefonico a cui essere contattate. Il team è costituito da psicologhe con esperienza nell'ambito dell'ostetricia e della perinatalità, che contattano telefonicamente entro 48 ore dei giorni feriali le donne che ne hanno fatto richiesta via mail. Dopo il primo contatto telefonico potranno seguire ulteriori colloqui supportivi che verranno concordati con le dottoresse.
27 marzo 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata