toggle menu
QS Edizioni - sabato 30 maggio 2020

Regioni e Asl - Provincia Autonoma di Bolzano

Neolaureati in ospedale. Anaao replica a Kompatscher: “È nostro diritto e dovere salvaguardare le prerogative degli iscritti”

immagine 7 dicembre - "Ed è nostro diritto e dovere salvaguardare anche le prerogative di quelli che incautamente si vuole assumere senza specializzazione, in palese contrasto con la normativa nazionale e quindi in una situazione di multiplo rischio, clinico, medico-legale ed assicurativo". Così il sindacato replica alle dichiarazioni del presidente di Provincia che, nella relazione al bilancio 2020, aveva definito "irresponsabile" l''Anaao in riferimento all'opposizione contro l'assunzione di neolaureati.
"Ricordiamo al nostro presidente che un sindacato ha il diritto, se non il dovere, di salvaguardare le prerogative dei propri iscritti, anche di quelli che incautamente si vuole assumere senza specializzazione, in palese contrasto con la normativa nazionale e quindi in una situazione di multiplo rischio, clinico, medico-legale ed assicurativo".
 
Così in una nota il sindacato Anaao-Vlk intende controbattere alle gravi offese del Presidente di Provincia Arno Kompatscher, che nella relazione al Consiglio Provinciale sul bilancio 2020, ha definito "irresponsabile" il sindacato Anaao (il più rappresentativo sindacato medico in Italia) in riferimento all’opposizione presentata contro l’assunzione di neolaureati negli ospedali della nostra Provincia.
 
"La normativa nazionale ha lo scopo di garantire la qualità delle cure dei cittadini, non certo quello di fare un danno ai giovani laureati, che anzi meritano un adeguato e qualificato percorso formativo, in accordo con Miur e Ministero Salute. Già il precedente ministro Grillo aveva definito sensato il nostro ricorso e già il Miur aveva precisato che tale percorso provinciale non era legittimo. Di certo non si può dire che Anaao sia contro i percorsi formativi in ospedale, dato che sono oltre 30 anni che si batte per il teaching hospital con contratto d’informazione-lavoro, alternativo al percorso formativo solo universitario. Il recente Decreto Calabria ne è infatti la dimostrazione, avendo condotto alla possibilità, per gli specializzandi del quarto e quinto anno, di partecipare ai concorsi di assunzione", conclude Anaao Vlk.
7 dicembre 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata