toggle menu
QS Edizioni - sabato 30 maggio 2020

Regioni e Asl - Provincia Autonoma di Bolzano

Medicina generale. Approvato il corso di specializzazione per 30 posti

immagine 10 febbraio - “Abbiamo necessità di reperire con urgenza nuovi medici di famiglia, già oggi ne mancano circa 50 ed oltre 100 probabilmente andranno in pensione nell’arco dei prossimi anni”, afferma l'assessore alla salute Thomas Widmann. I medici che frequenteranno il corso riceveranno una borsa di studio da parte della Provincia e si impegnano a svolgere, entro 5 anni dal conseguimento del diploma, l’attività di medico di medicina generale per due anni a tempo pieno come liberi professionisti o lavoratori dipendenti nel territorio provinciale.
La Giunta provinciale di Bolzano ha approvato il bando di concorso per l’ammissione al corso triennale di formazione specifica di medicina generale relativo agli anni 2020 – 2023 per il quale sono previsti 30 posti di formazione. Il corso specialistico verrà organizzato dall'Ufficio Ordinamento sanitario in collaborazione con l'Istituto di medicina generale con sede nella Scuola superiore provinciale di sanità Claudiana di Bolzano e sarà articolato in una parte pratica ed una seminariale presso la Claudiana stessa, i reparti ospedalieri provinciali accreditati e presso vari medici di famiglia. A darne notizia una nota della Giunta.

Nella nota si evidenzia come il numero di posti di formazione sia stato aumentato da 25 a 30 "in considerazione della crescente carenza di medici specialisti operanti sul territorio provinciale". “Abbiamo necessità di reperire con urgenza nuovi medici di famiglia - sottolinea l'assessore alla salute Thomas Widmann - già oggi ne mancano circa 50 ed oltre 100 probabilmente andranno in pensione nell’arco dei prossimi anni”.

I 30 medici che prenderanno parte al corso riceveranno una borsa di studio da parte della Provincia e si impegnano a svolgere, entro 5 anni dal conseguimento del diploma, l’attività di medico di medicina generale per due anni a tempo pieno come liberi professionisti o lavoratori dipendenti nel territorio provinciale.

Per andare incontro alle esigenze dei medici interessati al corso anche quest’anno sono previste due scadenze per la presentazione delle domande di iscrizione, due date per l’esame di ammissione e due per l’avvio della frequenza. "In questo modo - aggiunge Widmann - vogliamo dare ai medici interessati la possibilità di gestire con maggiore flessibilità le scadenze e programmare più agevolmente l’inizio della frequenza del corso di specializzazione".
10 febbraio 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata