toggle menu
QS Edizioni - martedì 19 novembre 2019

Regioni e Asl - Puglia

Campagne Omceo Bari in difesa dei medici e del Ssn premiate con il Graphis Gold Award

immagine 26 settembre - Sono stati insigniti del riconoscimento internazionale per l’advertising sia il video “Due facce dello stesso disagio”, dedicato al malessere che accomuna operatori e cittadini all’interno del sistema sanitario e che spesso è all’origine dei frequenti casi di violenza ai danni dei medici, sia l’affissione “Italia non abbandonarci”, dedicata al pericolo che il federalismo differenziato possa minare l’uguaglianza nell’accesso al diritto alla salute. Anelli: “Importante riconoscimento al lavoro portato avanti nel campo della comunicazione”.
La comunicazione dell’Ordine dei medici di Bari è stata premiata con il prestigioso Graphis Gold Award, premio internazionale assegnato nel campo della pubblicità. Sono stati insigniti del Gold Award per l’advertising sia il video “Due facce dello stesso disagio”, dedicato al malessere che accomuna operatori e cittadini all’interno del sistema sanitario e che spesso è all’origine dei frequenti casi di violenza ai danni dei medici, sia l’affissione “Italia non abbandonarci”, dedicata al pericolo che il federalismo differenziato possa minare l’uguaglianza nell’accesso al diritto alla salute.

Uniche campagne italiane premiate, rappresenteranno la creatività del nostro paese nel Graphis Annual, la storica pubblicazione che dal 1952 raccoglie il meglio del design, della comunicazione e della fotografia a livello internazionale.

“Sono molto orgoglioso di questo premio - commenta in una nota Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei medici di Bari -. È un importante riconoscimento al lavoro portato avanti dall’Ordine di Bari in questi ultimi anni nel campo della comunicazione. Il nostro ordine è stato infatti uno dei primi in Italia a sfruttare in modo costante e sistematico la comunicazione pubblicitaria per sensibilizzare i cittadini rispetto a temi cruciali della salute e della Sanità, con l’intento esplicito di gettare le basi per ricostruire quel rapporto di fiducia medico-paziente che è l’architrave del nostro sistema sanitario e che è stato duramente messo alla prova, oltre che da ragioni di ordine culturale, anche da cause politiche, economiche e organizzative.”

Le campagne dell’OMCeO di Bari, evidenzia l’Ordine barese, “rappresentano infatti un caso a livello nazionale, poiché nel contesto italiano quando si parla del binomio comunicazione e medicina si fa riferimento di solito alla comunicazione interpersonale tra medico e paziente. L’Ordine si è invece spinto in un’area ancora poco esplorata, quella relativa alla comunicazione pubblicitaria, a come i grandi temi della medicina e della salute vengano veicolati ai cittadini da parte delle istituzioni.”

Le iniziative dell’OMCeO Bari in questi anni sono state tradotte in termini di comunicazione sui diversi media dall’agenzia barese Kibrit & Calce, che ha firmato anche le due campagne premiate.

“Ringraziamo l’Ordine dei medici di Bari e il Presidente Anelli per la fiducia che ci hanno accordato in questi anni e per aver condiviso con noi la difficile sfida di individuare soluzioni creative che rispondessero al bisogno di dialogare al tempo stesso con i medici, le istituzioni e la cittadinanza”, spiega Maria Favia, Account manager dell’agenzia.

“Dire semplicemente la verità in modo diretto e senza giri di parole, come nel caso della campagna Italia non abbandonarci, è stata la strategia vincente voluta dall’Ordine dei medici. Il rispetto per medici e cittadini su un tema sensibile come la salute è stato compreso e premiato”, aggiunge Marita Pastore, Creative director di Kibrit & Calce.
26 settembre 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata