toggle menu
QS Edizioni - martedì 19 novembre 2019

Regioni e Asl

Asili nido aziendali negli ospedali. La Regione Campania pronta a finanziare progetti per realizzarli

immagine 9 ottobre - Pubblicata sul Bollettino regionale la manifestazione di interesse per finanziare progetti (450mila euro in tre anni) volti all’avvio ed alla gestione di asili nido aziendali o per favorire servizi di accoglienza temporanea per bambini fino ai 12 anni rivolti ai figli o familiari delle persone degenti e dei dipendenti in strutture ospedaliere della Regione. Marciani: “Oltre ad essere un supporto importante per le famiglie, sono uno dei requisiti essenziali per permettere alle donne di lavorare”. IL DECRETO
La Regione Campania ha pubblicato sul bollettino ufficiale una manifestazione di interesse per finanziare progetti volti all’avvio ed alla gestione di asili nido aziendali o per favorire servizi di accoglienza temporanea per bambini fino ai 12 anni rivolti ai figli o familiari delle persone degenti e dei dipendenti in strutture ospedaliere della Regione. Ne dà notizia la Giunta con una nota. La dotazione finanziaria disponibile per l’operazione da selezionare con l'Avviso è pari a 150.000 euro per anno, per il triennio 2019-2021, e quindi a 450.000 euro complessivi nel triennio, secondo quanto riportato nel decreto dirigenziale che evidenzia come la dotazione sia destinata al finanziamento di un unico progetto di gestione.


“Dopo aver realizzato ed avviato il servizio di nido aziendale presso l’Ospedale Cardarelli - commenta nella nota l’Assessore alle pari Opportunità Chiara Marciani - abbiamo voluto offrire questo servizio anche ad altre aziende ospedaliere della nostra Regione. Si tratta di progetti importanti che permetteranno a tante donne di poter conciliare meglio vita lavorativa e vita familiare, con una attenzione  anche agli utenti delle strutture sanitarie che in questo modo avranno una struttura cui poter affidare i bambini durante esami diagnostici o in occasione di visite a familiari degenti”.

Per Marciani “oltre ad essere un supporto importante per le famiglie, i nidi aziendali e i servizi di assistenza destinati ai bambini fini ai 12 anni, sono uno dei requisiti essenziali per permettere alle donne di lavorare ed aumentare quindi il livello di occupazione femminile che nella nostra Regione resta ancora basso”.

“Abbiamo voluto iniziare dalle aziende ospedaliere - conclude l’assessore - ma a brevissimo, con un investimento totale di quasi dieci milioni di euro, sarà pubblicato anche un nuovo avviso volto a finanziare nidi aziendali nelle imprese private al fine di allargare il più possibile questa importante opportunità per le donne della nostra Regione”.
9 ottobre 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata