toggle menu
QS Edizioni - venerdì 15 ottobre 2021

Regioni e Asl

Roma. Attacco hacker all’ospedale San Giovanni. Ma nessun blocco delle attività cliniche

immagine 13 settembre - Il tutto sarebbe cominciato a mezzanotte: la stessa ora in cui, due mesi fa, i cyber criminali avevano colpito la Regione Lazio. Al momento i tecnici stanno lavorando “per ripristinare tutte le funzioni nel più breve tempo possibile, garantendo la continuità dell'assistenza ospedaliera”. In ogni caso l'attacco non ha fermato l'attività clinica dell'ospedale.
Un attacco hacker ha colpito dell’ospedale San Giovanni di Roma. “Sono in corso da questa mattina accertamenti tecnici al San Giovanni Addolorata a seguito di un attacco informatico di tipo ransomware”, scrive l’ospedale in una nora. Il tutto sarebbe cominciato a mezzanotte: la stessa ora in cui, due mesi fa, i cyber criminali hanno colpito la Regione Lazio. "È impossibile vedere le cartelle cliniche, fare referti, chiedere esami di laboratorio, persino sapere con certezza quanti pazienti si trovano in pronto soccorso".
 
“I tecnici della sicurezza informatica – spiega l’ospedale - sono a lavoro è subito intervenuta la polizia postale e sono state fatte le dovute segnalazioni a tutte le autorità nazionali competenti. Sono proseguite le attività di ricovero, ambulatoriali, assistenza e emergenza del pronto soccorso. Le prestazioni di emodinamica, radiologia interventistica e l'attività operatoria si sono svolte regolarmente”.
 
“Stiamo lavorando alacremente – conclude la nota - per ripristinare tutte le funzioni nel più breve tempo possibile, garantendo la continuità dell'assistenza ospedaliera”.
13 settembre 2021
© QS Edizioni - Riproduzione riservata