toggle menu
QS Edizioni - venerdì 17 agosto 2018

Scienza e Farmaci

Allattamento al seno: settimana Oms-Unicef. Fondamentale come salvavita nei neonati: si salverebbero ogni anno oltre 820mila bambini sotto i 5 anni

immagine 2 agosto - Si stima che 78 milioni di bambini non siano allattati al seno entro la prima ora di vita, mettendoli a maggior rischio di morte e malattia e rendendoli meno propensi a continuare l'allattamento. La maggior parte di questi bambini nasce in paesi a basso e medio reddito. Il nuovo rapporto rileva che i neonati allattati al seno nella prima ora di vita hanno molte più probabilità di sopravvivere. Anche un ritardo di alcune ore dopo la nascita potrebbe comportare conseguenze pericolose. Il contatto pelle a pelle e l'allattamento al seno stimolano la produzione da parte della madre di latte materno, incluso il colostro, chiamato anche il "primo vaccino" del bambino, che è estremamente ricco di sostanze nutritive e anticorpi. IL NUOVO RAPPORTO OMS-UNICEF.
Dal 1° al 7 agosto l’Oms celebra la settimana dell’allattamento al seno. La situazione attuale presenta dati allarmanti: 3 bambini su 5, pari a circa 78 milioni per la La maggior parte di questi bambini nasce in paesi a basso e medio reddito, non sono allattati al seno nella prima ora di vita, mentre l'allattamento al seno entro un'ora dopo la nascia è un fondamentale "salva vita".
 
Questi bambini, rileva un nuovo rapporto di UNICEF e  OMS. sono infatti a maggior rischio di morte e malattia e meno propensi a continuare l'allattamento. 

Al contrario i neonati allattati al seno nella prima ora di vita hanno molte più probabilità di sopravvivere. Anche un ritardo di alcune ore dopo la nascita potrebbe comportare conseguenze pericolose. Il contatto pelle a pelle e l'allattamento al seno stimolano la produzione da parte della madre di latte materno, incluso il colostro, chiamato anche il "primo vaccino" del bambino, che è estremamente ricco di sostanze nutritive e anticorpi.
 
L'Oms sottolinea poi che l'allattamento al seno di tutti i bambini per i primi due anni salverebbe la vita di oltre 820.000 bambini di età inferiore ai 5 anni l'anno.

"Quando si parla di allattamento al seno, il tempismo è tutto. In molti paesi, può anche essere una questione di vita o di morte ", afferma Henrietta H. Fore, Direttore esecutivo dell'UNICEF. "Tuttavia, ogni anno, milioni di neonati perdono i benefici dell'allattamento al seno precoce e le ragioni - troppo spesso - sono in fatti che si potrebbero cambiare. Le madri, ad esempio,  semplicemente non ricevono abbastanza sostegno per l'allattamento al seno entro quei cruciali minuti dopo la nascita, anche da parte del personale medico delle strutture sanitarie".

I tassi di allattamento al seno entro la prima ora dopo la nascita sono più alti nell'Africa orientale e meridionale (65%) e più bassi nell'Asia orientale e nel Pacifico (32%), afferma il rapporto. Quasi 9 su 10 bambini nati in Burundi, Sri Lanka e Vanuatu vengono allattati entro la prima ora. Al contrario, solo due bambini su dieci nati in Azerbaigian, Ciad e Montenegro lo fanno. 

"L'allattamento al seno offre ai bambini il miglior inizio possibile nella vita", afferma Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "Dobbiamo aumentare urgentemente il sostegno alle madri - che si tratti di familiari, operatori sanitari, datori di lavoro e governi, in modo che possano dare ai loro figli l'inizio che meritano".

Il nuovo rapporto, che analizza i dati di 76 paesi , rileva che, nonostante l'importanza di iniziare presto l'allattamento al seno, troppi neonati vengono lasciati ad aspettare troppo a lungo per motivi diversi, tra cui:

- Alimentazione con alimenti o bevande per neonati: pratiche comuni, come il colostro di scarto, un anziano che allatta con il miele il bambino o operatori sanitari che danno al neonato un liquido specifico, come l'acqua zuccherata o il latte artificiale, ritardano il primo contatto critico di un neonato con il suo o sua madre.

- L'aumento delle sezioni C elettive: in Egitto, i tassi di taglio cesareo sono più che raddoppiati tra il 2005 e il 2014, passando dal 20% al 52%. Durante lo stesso periodo, i tassi di inizio precoce dell'allattamento al seno sono diminuiti dal 40% al 27%. Uno studio in 51 paesi ha rilevato che i tassi di inizio precoce sono significativamente più bassi tra i neonati con taglio cesareo. In Egitto, solo il 19% dei bambini nati con taglio cesareo è stato allattato al seno nella prima ora dopo la nascita, rispetto al 39% dei bambini nati con parto naturale.

- Lacune nella qualità dell'assistenza fornita a madri e neonati: la presenza di un assistente al parto qualificato non sembra influenzare i tassi di allattamento al seno precoce, secondo il rapporto. In 58 paesi tra il 2005 e il 2017, le consegne presso le istituzioni sanitarie sono cresciute del 18%, mentre i tassi di inizio precoce sono aumentati del 6%. In molti casi, i bambini vengono separati dalla madre immediatamente dopo la nascita e la guida degli operatori sanitari è limitata. In Serbia, i tassi sono aumentati del 43% dal 2010 al 2014 a causa degli sforzi per migliorare le madri delle cure ricevute alla nascita.

Studi precedenti, citati nel rapporto, mostrano che i neonati che hanno iniziato l'allattamento al seno tra le due e le 23 ore dopo la nascita avevano un rischio maggiore del 33% di morire rispetto a quelli che avevano iniziato l'allattamento al seno entro un'ora dalla nascita. Tra i neonati che hanno iniziato l'allattamento al seno un giorno o più dopo la nascita, il rischio era più del doppio.

Il rapporto sollecita governi, donatori e altri decisori ad adottare forti misure legali per limitare la commercializzazione di latte artificiale e altri sostituti del latte materno.

Il Global Breastfeeding Collective, guidato dall'OMS e dall'UNICEF, ha anche pubblicato la Global Breastfeeding Scorecard 2018 , che tiene traccia dei progressi nelle politiche e nei programmi di allattamento al seno. In esso, incoraggiano i paesi a promuovere politiche e programmi che aiutino tutte le madri ad iniziare l'allattamento al seno nella prima ora della vita del loro bambino e a continuare fino a quando vogliono.

La settimana mondiale per l'allattamento al seno viene celebrata ogni anno dal 1 ° al 7 agosto per incoraggiare l'allattamento al seno e migliorare la salute dei bambini di tutto il mondo. Commemora la Dichiarazione degli Innocenti, firmata nell'agosto 1990 dai governi, dall'OMS, dall'UNICEF e da altre organizzazioni per proteggere, promuovere e sostenere l'allattamento al seno.

Quest'anno, l'Oms sta collaborando con l'UNICEF e i suoi partner per promuovere l'importanza di aiutare le madri ad allattare i loro bambini entro quella cruciale prima ora di vita. 

OMS e UNICEF hanno emanato ad aprile anche una nuova guida in dieci fasi per aumentare il sostegno all'allattamento al seno in strutture sanitarie che forniscono servizi di maternità e neonati. 

L'allattamento al seno di tutti i bambini per i primi due anni salverebbe la vita di oltre 820.000 bambini di età inferiore ai 5 anni l'anno.

I  dieci passi per il successo  dell'allattamento al seno sono alla base dell'iniziativa ospedaliera per bambini, che entrambe le organizzazioni hanno lanciato nel 1991. La guida pratica incoraggia le nuove mamme ad allattare al seno e informa gli operatori sanitari sul modo migliore per sostenere l'allattamento al seno.

"Gli ospedali non sono lì solo per curare i malati, sono lì per promuovere la vita e assicurare che le persone possano prosperare e vivere al massimo delle loro potenzialità", afferma Tedros. "Come parte della 'spinta' di ogni paese a raggiungere una copertura sanitaria universale, non c'è posto migliore o più cruciale da avviare che garantire che i  dieci passi per il successo  dell'allattamento al seno siano lo standard per la cura delle madri e dei loro bambini".

I dieci passi si basano sulle linee guida dell'OMS, pubblicate a novembre 2017, dal titolo Proteggere, promuovere e sostenere l'allattamento al seno in strutture che offrono servizi di maternità e neonati.


 
2 agosto 2018
© QS Edizioni - Riproduzione riservata