toggle menu
QS Edizioni - venerdì 13 dicembre 2019

Scienza e Farmaci

Vitamina D. Da Aifa un video e le Faq per operatori e cittadini

immagine 11 novembre - A seguito della Nota 96 con cui l’Agenzia ha cambiato le regole per l’erogazione a carico del Ssn dei farmaci a base di Vitamina D ecco le indicazioni per i professionisti e una serie d’inforrmazioni per i cittadini. LE SLIDE
Nuove indicazioni per medici e pazienti sulla Vitamina D da parte di Aifa. "Nell’ambito delle attività correnti di aggiornamento dei farmaci in prontuario, l'Agenzia Italiana del Farmaco - si legge sul sito - ha recentemente rivalutato i dati di letteratura e le evidenze scientifiche emerse da importanti studi condotti negli ultimi anni sulla supplementazione farmacologica di vitamina D nell'adulto. A seguito di tale valutazione, l’Agenzia ha deciso di rivedere le condizioni per la prescrizione a carico del Servizio Sanitario Nazionale dei farmaci a base di vitamina D classificati in fascia A (rimborsabili dal SSN) - colecalciferolo, colecalciferolo/sali di calcio e calcifediolo – esclusivamente per la prevenzione e il trattamento della carenza di Vitamina D nella popolazione adulta (>18 anni)".
 
"Le indicazioni ai medici - prosegue l'Aifa - per la prescrizione dei farmaci a base di vitamina D sono riportate nella Nota AIFA 96, pubblicata sul portale dell’Agenzia lo scorso 28 ottobre, e sono da applicare quindi limitatamente all’indicazione relativa a prevenzione e trattamento della carenza di Vitamina D nella popolazione adulta. Restano, invece, invariate, le condizioni di prescrizione e rimborsabilità nella popolazione pediatrica. Per fornire ai medici gli elementi di contesto utili a inquadrare e ad applicare il provvedimento, AIFA ha realizzato un’apposita scheda per l’operatore sanitario, in cui sono riportate, in aggiunta ai riferimenti  per una corretta applicazione della Nota 96, anche informazioni circa le indicazioni terapeutiche dei farmaci contenenti vitamina D,  i principi attivi più frequentemente prescritti, le condizioni che prevedono il dosaggio della vitamina D, nonché l’intervallo di valori desiderabile. Il documento sintetizza, inoltre, le evidenze scientifiche provenienti dai più recenti studi e i dati di letteratura sulla sicurezza della supplementazione della vitamina D".
 
"Per un uso più appropriato e consapevole di farmaci a base di vitamina D - conclude - , l’AIFA ha inteso, inoltre, fornire informazioni utili a tutti i cittadini su aspetti quali il ruolo che la vitamina D svolge nell’organismo, l’importanza di soddisfare il fabbisogno naturale tramite l’esposizione solare,  i segnali che possono indurre il medico a verificare una possibile carenza. Tali informazioni sono disponibili nella scheda per il cittadino e nella pagina Domande e risposte del portale AIFA".
 
11 novembre 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata