Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 OTTOBRE 2019
Piemonte
segui quotidianosanita.it

Piemonte. A Lanzo nuovo reparto dell’ospedale. Sarà dotato di 18 posti letto di continuità assistenziale a valenza sanitaria

Si tratta di una struttura di degenza non ospedaliera ma territoriale che ha l’obiettivo di dare risposte adeguate ai pazienti, in particolare quelli cronici, che non hanno la possibilità di ricevere assistenza a domicilio, evitando così inappropriati e costosi ricoveri ospedalieri.

16 LUG -  “L’inaugurazione del nuovo CAVS nel presidio di Lanzo è per me motivo di grande soddisfazione. Avevo dichiarato che Lanzo non solo non sarebbe stato penalizzato (infatti sono stati mantenuti tutti i posti letto di medicina e di lungodegenza), ma che sarebbe stato rilanciato attraverso un progetto innovativo di assistenza territoriale. La promessa è stata mantenuta”. Così ha dichiarato l’assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta, questa mattina intervenendo all’inaugurazione del nuovo reparto dell’ospedale di Lanzo dotato di 18 posti letto CAVS (continuità assistenziale a valenza sanitaria), una struttura di degenza non ospedaliera ma territoriale che ha l’obiettivo di dare risposte adeguate ai pazienti, in particolare quelli cronici, che non hanno la possibilità di ricevere assistenza a domicilio, evitando così inappropriati e costosi ricoveri ospedalieri.

”Quando la Giunta ha approvato la delibera sul riordino della rete ospedaliera – sottolinea - abbiamo annunciato un aumento importante di posti letto di continuità assistenziale sull’intero territorio regionale (ben 1330), proprio per dare risposta alla richiesta di tante famiglie che dopo il ricovero ospedaliero chiedono soluzioni per gli ammalati, spesso anziani, prima del rientro in casa. Con la delibera di aprile sul potenziamento dell’assistenza territoriale abbiamo posto le basi per dare sul territorio le risposte adeguate ai bisogni di salute della popolazione: Lanzo diventa così un esempio positivo di ciò che deve essere la corretta e razionale integrazione tra ospedale e territorio”.


L’assessore Saitta visitando il nuovo reparto insieme al direttore Generale dell’Asl TO4 Lorenzo Ardissone, al direttore sanitario Giovanni La Valle, al direttore amministrativo Ada Chiadò alla responsabile di Distretto Mara Luigia Spaccapietra e alla referente clinica del CAVS Paola Maina e al Sindaco di Lanzo Tina Assalto, ha ricordato come “sia in fase di soluzione il contenzioso con l’Ordine Mauriziano dovuto al fatto che da diversi anni la Regione non paga l’affitto per la struttura di Lanzo. Una situazione che se non risolta avrebbe davvero potuto mettere a rischio il futuro di questo presidio. Pertanto, si iniziano a intravedere segnali positivi, a cominciare dall’assunzione di quattro infermieri e dieci operatori socio sanitari che lavoreranno nel nuovo reparto. Le azioni fatte per riportare sotto controllo la sanità piemontese stanno dando i primi frutti e queste nuove assunzioni devono infondere coraggio e speranza a tutti noi. Per questo voglio ringraziare tutti coloro che da oggi lavoreranno nel CAVS di Lanzo, perché è solo grazie all’impegno degli operatori se il nostro sistema sanitario è riuscito a reggere durante questi lunghi e bui anni di commissariamento”.
 

16 luglio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Piemonte

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy