Quotidiano on line
di informazione sanitaria
05 FEBBRAIO 2023
Provincia Autonoma di Trento
segui quotidianosanita.it

Trento. Omceo e Opi sottoscrivono programma comune per il rilancio della sanità 

Pnrr, carenza del personale sanitario, formazione, salario e sicurezza nei posti di lavoro. Sono questi i punti su cui si svilupperà la collaborazione fra i due Ordini che rappresentano 8000 professionisti della sanità trentina. Ioppi (Omceo): “Dobbiamo essere visti come una opportunità e non come una voce dei spesa del bilancio provinciale”. Pedrotti (Opi): “Si rafforza ancora di più la nostra intesa con i medici. Insieme dobbiamo recuperare il senso vero della cura”.

24 NOV - I medici e gli infermieri, rappresentanti dai rispettivi Ordini, guidati a Trento Marco Ioppi (Omceo) e da Daniel Pedrotti (Opi), a nome di oltre 8000 professionisti, hanno siglato un accordo di cooperazione per un nuovo patto per l’assistenza. Una collaborazione che già nasce nel 2019, ancora prima dell’arrivo del Covid-19 e che si è confermato e potenziato in questi giorni.

Nel nuovo accordo i due ordini si impegnano, nel rispetto dei ruoli, in un impegno comune a difendere il servizio sanitario pubblico, i cui principi, per i presidenti, sono messi a forte rischio. “L’obiettivo dell’accordo è quello di poter essere propositivi oltre che compatti verso gli interlocutori provinciali a fronte alle nuove sfide legate al Piano nazionale di Ripresa e Resilienza – spiegano i presidenti Marco Ioppi e Daniel Pedrotti - che dovrà integrarsi con il Piano nazionale cronicità, con il Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025 e con il Piano per la salute del Trentino 2015-2025. Tappe importanti e dirette alla pianificazione degli interventi di prevenzione e promozione della salute territoriale che daranno risposte sanitarie agli oltre 190 mila pazienti cronici della Provincia di Trento”.

Su questi temi sono stati istituiti dei gruppo di lavoro, fra i due ordini, con incontri e focus che cureranno i temi prioritari, tra questi, da subito le case di comunità, che saranno di prossima diffusione e che dovranno rispondere ad équipe multiprofessionali, con nuovi modelli organizzativi e professionali.

Al centro dell’accordo di cooperazione ci sono anche altri temi fondamentali che saranno portati nei tavoli provinciali dai due presidenti ordinistici:
- la carenza di professionisti;
- la formazione dei professionisti;
- la sicurezza dei posti di lavoro e la serenità nell’ambito del team professionale;
- una retribuzione coerente con i livelli europei e con le responsabilità assunte;
- il richiamo e la promozione dei principi e dei valori deontologici;

“Dall’incontro – afferma Daniel Pedrotti – si conferma un’intesa molto importante all’interno di un percorso che c’è da sempre e che si è rafforzato ulteriormente in questi anni e che ora assume un ruolo incisivo nelle scelte e sui modelli organizzativi e professionali per la gestione clinica della salute dei cittadini. Gli ordini rappresentano i professionisti della salute che sono portatori di un bagaglio enorme di competenze e di idee che necessitano di essere riconosciute e che vogliono mettere a disposizione per la garanzia e qualità delle cure”.

“Gli Ordini - dichiara Marco Ioppi - sono a ricordare l’importanza del delicato e insostituibile ruolo che i professionisti della salute rappresentano per il cittadino e per la società. Professionisti che devono essere valorizzati e sostenuti per essere sempre più capaci di restare accanto al cittadino nei momenti del vero bisogno. Dobbiamo essere coinvolti nelle decisioni di politica sanitaria, resi responsabili e visti come una straordinaria opportunità di investimento per la crescita e il benessere della società e non come voce di spesa, non fosse altro perché attraverso loro passa quasi un terzo del bilancio provinciale”.

Di qui la determinazione dei due ordini di voler contare di più e di voler esserci per senso di responsabilità e per quel sentimento di appartenenza e di dedizione verso la comunità in cui operano. “Senza medici e infermieri la sanità non ci può essere, insieme dobbiamo recuperare il senso vero della cura e dell’assistenza nello spirito della legge istitutiva del Ssn”, affermano Ioppi e Pedrotti.

Endrius Salvalaggio

24 novembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS P.A. Trento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy