Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 LUGLIO 2019
Puglia
segui quotidianosanita.it

Medicina fetale e diagnosi prenatale. Emiliano presenta la delibera regionale

La delibera riconosce il Servizio di “Medicina Fetale” della Asl Bari quale Centro di Riferimento Regionale e stabilisce l’implementazione del test sulla preeclampsia (ipertensione e proteinuria in gravidanza), estendendolo, senza oneri maggiori per il servizio sanitario, a tutto il territorio regionale. Prevista anche l’implementazione dei 5 pacchetti di prestazioni sanitarie.

07 MAR - “Nel bilancio complessivo e nella logica che deve presiedere il sistema, la giornata di oggi è molto importante perché serve a trasmettere a tutti una sensazione, che i gesti non siano l’uno sconnesso dall’altro ma che facciano parte di una strategia sistemica. Questo rassicura tutti, pazienti, cittadini, operatori e amministratori, perché quando bisogna alla fine occorre pagare tutto questo, sapere come si è speso il denaro dà una particolare serenità e soddisfazione. Questa è medicina di eccellenza che consente di fare cose che erano impensabili”. Così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervenendo questa mattina in conferenza stampa per la presentazione di alcune azioni intraprese dal Governo regionale in materia di Medicina fetale e  diagnosi prenatale.

La Regione Puglia infatti, con l’obiettivo di qualificare l'assistenza materno/infantile, ha approvato in Giunta una delibera (la 2161) che, non solo riconosce il Servizio di “Medicina Fetale” della ASL Bari, quale Centro di Riferimento Regionale per la "diagnosi e gestione della patologia materno – fetale”, ma stabilisce anche, in collaborazione con il Comitato Punti Nascita Regionale (il CPNR), l’implementazione del test sulla preeclampsia (ipertensione e proteinuria in gravidanza), estendendolo, senza oneri maggiori per il servizio sanitario, a tutto il territorio regionale. Un’altra azione prevista è l’implementazione dei pacchetti di prestazioni sanitarie (cinque).


“La strategia complessiva della Regione Puglia - ha continuato Emiliano - su questa materia è contemporaneamente emozionante ma anche particolarmente difficile. Nel 2016 in Italia ci sono stati meno di mezzo milioni di nuovi nati, quindi il minor numero di nati della storia del nostro paese. È una notizia drammatica che ha spiegazioni di natura politica. In questo momento, per ragioni che sono chiare a tutti, l’idea di fare dei figli in questo paese viene considerato quasi un azzardo. Questo però implica che quelle gravidanze che invece vengono iniziate, diventino preziose per la comunità ma anche sempre più difficili perchè l’età del concepimento diventa sempre più avanzata. Serve dunque una medicina di eccellenza che tuteli la salute del feto e tuteli la salute delle gestanti. La Puglia si è dotata di un sistema di medicina fetale che è uno dei pochissimi in Italia ad un livello di straordinaria eccellenza che consente le diagnosi prenatali e delle malattie fetali in modo da dare massima sicurezza a tutti i nascituri e alle loro mamme”.  

“Ovviamente  - ha concluso Emiliano - un simile schema significa anche che è evidente che il numero dei punti nascita in Puglia è stato diminuito nel piano di riordino per una semplicissima ragione. Non è possibile più rischiare la vita delle puerpere sempre più avanti negli anni, in reparti che non siano attrezzati, con una casistica sicura, all’altezza delle emergenze, con una rianimazione e terapia intensiva. Non ha senso avere reparti di pediatra dove non ci sono punti nascita. Quindi anche i reparti di pediatria verranno diminuiti di numero e concentrati nei punti di eccellenza per una maggiore tutela”.

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche il direttore del Dipartimento Politiche della salute della Regione Puglia Giancarlo Ruscitti, il direttore della Asl di Bari Vito Montanaro e il direttore del Centro di riferimento regionale per la "Diagnosi e gestione della patologia materno-fetale", Paolo Volpe.

“Vogliamo raccontare alle donne pugliesi – ha detto Ruscitti - che esistono in Puglia metodologie e gruppi di lavoro che salvaguardano la loro salute e quella dei loro nascituri. Ciò che è stato fatto infatti tra Asl Bari e Policlinico è importante perchè nella nostra regione si riesce finalmente a salvaguardare la salute di entrambi. Stiamo quindi dando al sistema sanitario regionale un supporto importante che spesso si immagina venga erogato solo in altre regioni. In realtà ciò che stiamo facendo in Puglia viene fatto in modo tale da essere di rilievo a livello nazionale”.

Attualmente il test si effettua presso l’Unità operativa di Medicina fetale, con sede presso l’ospedale Di Venere di Bari e articolata presso il Sarcone di Terlizzi. Entro l’estate 2017 sarà possibile effettuare il test anche presso i principali sei ospedali regionali (uno per provincia), successivamente sarà esteso agli altri ospedali.

“Abbiamo costruito, come Unità Operativa di Medicina Fetale della ASL di Bari – ha detto Paolo Volpe - un percorso  per la gestione delle malformazioni del feto che va dalla diagnosi della patologia alla presa in carico. Un percorso che porta fino alla nascita e poi alla gestione post natale di questi casi drammatici. Lo abbiamo costruito grazie alla multidisciplinarietà. Tutto ciò che prima faceva paura, ora ha un nome e un percorso ben definito che la donna affronta, seppure con dolore, in maniera diversa. Questo ha portato anche ad una diminuzione della migrazione passiva di questi casi drammatici verso altre regioni. Quello che invece stiamo per iniziare è qualcosa ancora di più rivoluzionario".
 
“Stiamo lavorando - ha proseguito - su una patologia che si chiama Preeclampsia, una delle prime cause di morte fetali e materne. C’è una tecnica che già nel primo trimestre di gravidanza ci permette di stimare quali sono le gestanti a rischio. Questo si fa in Italia solo in alcuni ospedali. Il progetto ambizioso di questa regione è formare e accreditare gli operatori ed estendere a tutta la Puglia gratuitamente la possibilità di effettuare questo esame. Questo porterà ad una riduzione della patologia e ad una centralità di questi casi. Questo è un privilegio per le gestanti pugliesi. In un clima di denatalità, noi riusciamo a dare un apporto ulteriore gratuito per quello che riguarda la gestione di alcune patologie”.

Per il direttore della Asl Bari Vito Montanaro infine “è una grande soddisfazione essere diventati centro di riferimento regionale di medicina fetale”. “E’ stato molto semplice per noi – ha continuato Montanaro - capire quanto fosse importante implementare quel progetto. Abbiamo esteso il servizio a tutta la Asl di Bari, con attrezzature e personale di livello, e ora con ulteriori responsabilità, dobbiamo cercare di implementare quanto più possibile questa attività perché sappiamo di essere molto probabilmente centro di riferimento anche di altre regioni. Stiamo lavorando anche per avviare e strutturare la chirurgia fetale. Con l’aiuto dei finanziamenti Fesr possiamo migliorare il servizio e attivare una sala operatoria dedicata”.  
 
Il Centro di riferimento regionale Medicina fetale infine dovrà anche raccordarsi con le altre Unità Operative di Ostetricia e Ginecologia della regione per l'implementazione dei pacchetti di prestazioni sanitarie, approvati con lo stesso provvedimento, sempre nell'ottica di “garantire una reale presa in carica della donna nel periodo di gravidanza e offrirne la massima tutela”. Il tutto anche per “garantire alle donne  massima trasparenza e conoscenza di ciò che occorre fare in determinate situazioni a rischio”.

Le prestazioni sanitarie sono state dunque raggruppate in cinque pacchetti per:

1) lo screening del primo trimestre per le malattie cromosomiche ( S. di Down) e la preeclampsia

2) le gravidanze ad alto rischio per aneuploide

3) le gravidanze ad alto rischio di patologia congenita fetale

4) le gravidanze gemellari monocoriali

5) per le gravidanze ad alto rischio di preeclampsia e restrizione della crescita fetale.

07 marzo 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Puglia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy