Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 10 DICEMBRE 2019
Puglia
segui quotidianosanita.it

Ipertensione polmonare. Malattia spesso trasurata e non riconosciuta. Errore con conseguenze gravi

Colpisce in Italia duemila persone. 400 delle quali sono pugliesi. Oggi, curando tempestivamente la malattia, il paziente può tornare a condurre una vita pressoché normale. La diagnosi non è semplice, perché la sintomatologia è del tutto aspecifica. I massimi esperti sul tema si sono dati appuntamento a Bari il 1 dicembre. 

30 NOV - L’ipertensione arteriosa polmonare (IAP) è una malattia respiratoria sottovalutata, che colpisce in Italia duemila persone. 400 delle quali sono pugliesi.
I massimi esperti sul tema si sono dati appuntamento a Bari, all’Hotel Nicolaus Hotel Nicolaus venerdì 30 novembre, ore 14/19:30 - Sabato 1 dicembre, ore 9/14), per il meeting Sharing Experience in PAH, che discuterà gli studi più recenti e prenderà in esame le terapie più recenti.

"Si tratta di una patologia progressiva - sottolinea Carlo D’Agostino, Direttore della Cardiologia Ospedaliera del Policlinico di Bari -, poco riconosciuta, caratterizzata da un aumento delle resistenze del circolo polmonare, che determina un progressivo affaticamento del ventricolo destro e la sua dilatazione ingravescente. L’evoluzione di questo quadro, purtroppo è assai spesso lo scompenso cardiaco".


Oggi, curando tempestivamente la malattia, il paziente può tornare a condurre una vita pressoché normale. La diagnosi non è semplice, perché la sintomatologia è del tutto aspecifica. La progressiva ostruzione del sistema arterioso polmonare causa all’esordio esclusivamente affanno, vertigini, stanchezza. L’ipertensione polmonare colpisce soprattutto le donne tra i trenta e i quarant’anni. La dispnea si manifesta dopo uno sforzo fisico anche minimo. Quando i segni dell’insufficienza cardiaca diventano più manifesti, compaiono gonfiore alle caviglie e senso di oppressione all’addome. E’ questo l’identikit di una condizione la cui evoluzione può essere rapidamente grave.



Il congresso si rivolge per questi motivi ai Medici di Medicina Generale e ai Pneumologi che, attraverso tavoli di lavoro specifici, affronteranno gli aspetti più insidiosi e controversi della malattia. Particolare attenzione sarà dedicata alle tre diverse strategie terapeutiche possibili.


"Importanti passi - assicura Carlo D’Agostino, Presidente del Congresso - sono stati fatti negli ultimi anni nella comprensione di questa patologia e nella definizione degli approcci terapeutici. A questo proposito va precisato che, accanto alle tre principali categorie di farmaci a disposizione dello specialista, si sono affermati recenti studi sull’impiego di nuove associazioni di molecole, efficaci soprattutto nelle fasi iniziali della malattia".

30 novembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Puglia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy