Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Puglia
segui quotidianosanita.it

Aggressioni a veterinari. Sivemp: “Da Lecce una condanna che dà un segnale positivo” 

Condannati, rispettivamente a 8 mesi e 9 mesi di reclusione, due persone che nel 2015 avevano aggredito con calci e pugni un veterinario in un piccolo paese del Leccese.  Gli imputati sono stati condannati per lesioni e minacce a pubblico ufficiale, ed il giudice ha disposto anche un risarcimento per il veterinario e la Asl che si era costituita parte civile. "Un segnale fondamentale per la tutela dei professionisti e la presa di coscienza delle istituzioni".

11 MAR - "Talvolta - e sempre più spesso - i veterinari hanno subito anche azioni di rilevanza penale quali atti intimidatori, attentati alle proprietà personali e aggressioni fisiche inferte non solo durante l’attività istituzionale, ma molto spesso anche al di fuori di essa con azioni ritorsive nella sfera familiare. Recentemente sono stati condannati, rispettivamente a 8 mesi e 9 mesi di reclusione, due persone che nel 2015 avevano aggredito con calci e pugni un veterinario in un piccolo paese del Leccese. Il veterinario era stato aggredito per aver denunciato un illecito conseguente alla vendita fraudolenta di un cavallo sottoposto a sequestro amministrativo. Gli imputati sono stati condannati per lesioni e minacce a pubblico ufficiale, reato punito ai sensi dell’articolo 339 del Codice Penale, che prevede la reclusione da sei mesi a cinque anni. Il giudice ha disposto anche un risarcimento in via equitativa di 4000 euro per il veterinario e di 1000 euro per la Asl, che si è costituita parte civile".

A comunicarlo in una nota è il Sivemp, sottolineando come questa sentenza meriti attenzione per due ordini di motivi. "Il primo è che la legge punisce più pesantemente chi minaccia o aggredisce un pubblico ufficiale, e questo da solo potrebbe essere un rilevante deterrente per le persone irragionevoli, esaltate e prive di autocontrollo che ricorrono a tali comportamenti aberranti. Il secondo, forse ancora più rilevante, è il fatto che la Asl si sia costituita parte civile nel processo, a rafforzare il concetto che il danno subito dal proprio dipendente aveva determinato ricadute negative e causato danni anche al datore di lavoro". 


Nel corso delle recenti audizioni presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato sul Ddl 867, il Sivemp ha illustrato la specificità e le difficoltà operative della professione veterinaria. Ha messo in luce che il veterinario finora ha dovuto "sopportare il peso fisico, psicologico ed economico delle azioni conseguenti alle aggressioni, e che talvolta è costretto a difendersi anche dalla propria amministrazione la quale - con un comportamento che isola ulteriormente i sanitario - dispone talvolta provvedimenti sbagliati, inopportuni e lesivi della dignità professionale, anziché sostenere il professionista di cui si avvale e affiancarlo nel difficile percorso post traumatico".

Il sindacato ha spesso richiamato l’attenzione sul rischio che aggressioni e lesioni ai veterinari siano sottodimensionati, quindi ulteriormente sottovalutati, in quanto chi subisce la violenza sa di non poter contare sul sostegno e la tutela dell’amministrazione di appartenenza (anzi rischia di vedersi trasferito dalla Direzione della Asl che improvvisa una soluzione estemporanea che esporrà un altro veterinario a un problema irrisolto) ed è portato a non segnalare episodi meno rilevanti, quali aggressioni verbali, ingiurie, pressioni psicologiche, che sono solo i prodromi di aggressioni ben più pesanti.

Per facilitare l’emersione del fenomeno il nostro sindacato ha adottato un questionario coerente ai contesti lavorativi della veterinaria pubblica. Come ha più volte chiesto il Sivemp, la prima misura da mettere in atto nelle realtà in cui i veterinari rilevano tensioni e reattività eccessive dei controllati è la costituzione di apposite équipe di più veterinari e tecnici della prevenzione. 
 
Il Sivemp ritiene, inoltre, che in taluni casi si debba anche cominciare a coinvolgere, nelle responsabilità delle aggressioni ai veterinari, le stesse Direzioni delle Asl. "Occorre infatti collocare i veterinari pubblici sotto l’ombrello della tutela del lavoratore della sicurezza sul luogo di lavoro (d.lgs 81/2008 - Testo Unico per la Sicurezza del Lavoro) prevedendo una responsabilità oggettiva del datore di lavoro che non ottempera alla necessità di prevenire con i mezzi disponibili (lavoro di equipe) aggressioni, lesioni personali o danni ai beni di proprietà del singolo veterinario pubblico".

Il Sivemp ritiene poi, nei casi di aggressione o intimidazione, debba essere garantita dalla Asl la piena presa in carico e tutela legale del proprio dipendente con l’avvio d’ufficio dei procedimenti a carico di persone o ignoti che hanno determinato nocumento ai professionisti.  "La costituzione di parte civile dell’Azienda, (come nel caso citato) è poi la condizione basilare che sta a confermare che i dipendenti sono per essa una risorsa fondamentale e che causare un danno al personale sanitario equivale a arrecare un danno a tutta l’Azienda sanitaria e alla forza dell’autorità in materia di salute pubblica e sicurezza alimentare".

"Solo con questa misura si può scongiurare il tentativo - sempre più rilevante in certi territori - di rifiutare i controlli sanitari e delegittimare l'azione di sanità pubblica da parte di operatori che sono pronti a procurare danni e lesioni fisiche e psicologiche al personale che opera in nome e per conto dell’Autorità sanitaria competente.

La sentenza pronunciata nel Leccese riconosce la gravità dell’aggressione al veterinario durante lo svolgimento delle funzioni di medicina pubblica in qualità di pubblico ufficiale e costituisce un segnale fondamentale per la tutela dei professionisti e la presa di coscienza delle istituzioni sulla portata di un fenomeno che necessita da tempo di misure di prevenzione e lotta risolutive", conclude il Sivemp.  

11 marzo 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Puglia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy