Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 21 GENNNAIO 2020
Puglia
segui quotidianosanita.it

Castellana Grotte. Inaugurata la Casa della Salute la Tac 128 all’Irccs Saverio De Bellis

A tagliare il nastro il governatore Michele Emilia. La tac inaugurata oggi è in realtà in funzione dalla scorsa estate. “È un obiettivo che ci eravamo posti con il direttore generale del de Bellis, Tommaso Stallone, e lo abbiamo raggiunto”, ha detto il governatore. Nella casa della Salute, tra i vari servizi, è in corso una sperimentazione attiva dal 1 novembre che vede 9 studi di medicina generale uniti in un’unica sede.

15 NOV - “Oggi è una giornata molto importante per Castellana Grotte, ma soprattutto per la salute dei suoi cittadini. Abbiamo infatti inaugurato la Casa della Salute, una sperimentazione attiva dal 1 novembre di quest’anno che ha visto 9 studi di medicina generale mettersi insieme, in un’unica Casa della Salute. È un modello da seguire per noi perché, in questo modo, si va incontro al lavoro dei pronto soccorso, alleggerendolo di molto. Spesso infatti si usa il pronto soccorso dell’ospedale come se fosse un medico di famiglia, e invece non solo si finisce per aspettare molte ore perché in quel luogo ci sono altre emergenze, ma soprattutto si rischia di intralciare il lavoro per le urgenze e le emergenze”. Così una nota della Regione Emilia Romagna rilancia le parole del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che questa mattina, accompagnato dal Dg della ASL di Bari Antonio Sanguedolce, ha inaugurato a Castellana Grotte la Casa della Salute e, presso l’IRCCS Saverio de Bellis, la nuova TAC a 128 strati.

“La Casa della Salute – ha continuato Emiliano – non è solo la Casa dei medici di famiglia, ma è anche un vero e proprio presidio territoriale con una serie di ambulatori importanti, centri di riabilitazione anche di natura neurologica, quindi di grande profilo. E poi la Casa della Salute è anche sede di un importante progetto di ricerca dell’IRCCS Saverio de Bellis sullo “Stato Di Salute Nella Popolazione Pugliese”. Uno studio che, attraverso un ambulatorio e un laboratorio collocati nella Casa della Salute, e partendo dall'esame dei pazienti più anziani, cerca di comprendere qual è il rapporto tra malattia e stato sociale. Una ricerca – ha concluso il Presidente -  molto importante che la Regione Puglia sta sostenendo con propri finanziamenti”.


Il direttore generale ASL Bari, Antonio Sanguedolce ha infine sottolineato i servizi che completeranno l’offerta della Casa della Salute.

“Per completare l’offerta – ha specificato Sanguedolce – ci saranno altre 48 ore di POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO, la cui previsione di ore è stata già pubblicata dalla ASL di Bari in data 30 settembre e le cui domande di attribuzione sono in istruttoria presso gli uffici competenti. Tra gli altri servizi da attivare vorrei segnalare il Punto di ascolto del Consultorio Familiare per rispondere alle problematiche psico-sociali e ostetrico-ginecologiche del bacino di utenza”-

Dopo aver inaugurato la Casa della Salute, il Presidente Emiliano ha inaugurato la nuova tecnologicamente avanzata TAC 128 strati, allocata presso il Reparto di Radiologia dell’IRCCS Saverio de Bellis di Castellana Grotte.

“Questa nuovissima TAC – ha detto Emiliano - è già in funzione da quest'estate. È un obiettivo che ci eravamo posti con il direttore generale del de Bellis, Tommaso Stallone, e lo abbiamo raggiunto. Sono stati tutti molto bravi a compiere l’operazione dei sostituzione della vecchia TAC con la nuova in pochissimo tempo, dando la possibilità ai pazienti di continuare ad eseguire questo esami in collaborazione con l’Ospedale Santa Maria degli Angeli di Putignano. Questa è una nuova attrezzatura, modernissima che consente non solo di soddisfare tutte le esigenze ospedaliere dell' IRCCS de Bellis di Castellana, ma anche di dare una mano allo smaltimento delle liste d'attesa sul territorio. Credo davvero che sia stata un’operazione molto importante fatta dalla Direzione generale della direzione strategica di questo IRCCS”.

INFORMAZIONI SULLA CASA DELLA SALUTE A CASTELLANA GROTTE
Una sperimentazione attiva dal 1 novembre 2019.
La “Casa della Salute” di Castellana Grotte è costituita da 9 studi Medici di Medicina Generale.

Tutti i lavori per rendere operativa la Casa della Salute sono stati eseguiti dalla ASL di BARI che ha realizzato: rete informatica e dei punti rete, rete telefonica, il completamento dell’arredamento delle parti comuni, degli ambienti, della segnaletica di sicurezza ed interna per l’orientamento dell‘utenza, i servizi generali necessari alla corretta gestione e funzionalità della struttura, grazie alla collaborazione delle diverse aree e strutture aziendali (Area Gestione tecnica, UOASSI, Distretto Socio Sanitario n. 14).

Il progetto “Casa della Salute”di Castellana Grotte si completa delle seguenti attività:

al piano rialzato: uffici amministrativi cup/ticket ed ufficio anagrafe; uffici di igiene pubblica e ufficio vaccinazioni; servizio di riabilitazione territoriale; ambulatorio neuro-psichiatria infantile; servizio di emergenza urgenza 118; continuità assistenziale.

al primo piano: i 9 studi medici di medicina generale con annesse sale di attesa e ambulatori infermieristici propri, anche le attività distrettuali di cure domiciliari integrate (ADI) e destinate alla popolazione fragile e cronica;

COLLABORAZIONE TRA CASA DELLA SALUTE E IRCCS DI CASTELLANA GROTTE
Nella struttura “Casa della Salute”, per effetto dell’Accordo di Collaborazione sottoscritto tra IRCCS “Saverio de Bellis” di Castellana Grotte ed ASL BARI” in data 11 novembre u.s., sono stati altresì collocati l’ambulatorio e il laboratorio per lo “Studio Dello Stato Di Salute Nella Popolazione Pugliese”.

L’ ASL di Bari e l’IRCCS “Saverio de Bellis” hanno deciso di creare sinergie per affrontare insieme i riflessi di carattere sanitari derivanti dall'invecchiamento della popolazione attivando percorsi condivisi per la gestione periferica del paziente fragile. Il deficit sensoriale visivo ed uditivo, le malattie cardio-vascolari e i disturbi del sonno rappresentano alcuni dei fattori di rischio che influenzano la sopravvivenza dell’anziano ed il suo ricorso alla ospedalizzazione.

In questo quadro, il Laboratorio di valutazione delle fragilità e delle multi-morbidità dell'anziano dell’IRCCS “de Bellis”, gestito congiuntamente da personale ad alto profilo clinico-scientifico e tecnologico, ha già definito un albero sostanziale dei processi clinico-diagnostici e preventivi del percorso diagnostico terapeutico assistenziale - PDTA - “Prevenzione della fragilità dell’anziano”.

A dette attività sono stati assegnati ambienti dedicati della Casa della Salute di Castellana Grotte al fine di realizzare visite specialistiche, prelievi e attrezzature diagnostiche destinate allo studio dell’invecchiamento della popolazione anziana over 65 per analisi sugli stili di vita, sui processi neurodegenerativi ed il rischio di caduta.

INFORMAZIONI SULLA TAC A 128 STRATI ALL’IRCCS SAVERIO DE BELLIS
La TAC 128 strati è stata acquistata con Consip e con un risparmio di 200mila euro. 11 per tutta Italia. Una tra queste è stata aggiudicata all’IRCCS di Castellana. Attiva da agosto. Ha eseguito circa 2000 esami tra pazienti interni, circa 700,  e pazienti esterni, quasi 1.200.

L’acquisizione  della nuova apparecchiatura TC Ingenuity PHILIPS 128 strati, presso la UO di Radiologia, pone l’IRCCS  al pari con lo stato dell’arte della Diagnostica per Immagini per esami di II livello, consentendo di eseguire esami con tempi di esecuzione   decisamente più rapidi e con risparmio della dose radiante e del mezzo di contrasto iniettato. Contestualmente  le migliori performance  tecniche dell'apparecchiatura aumentano  il dettaglio ed incrementano le possibilità diagnostiche nello studio delle patologie oncologiche e gastroenetrologiche.

La TC è dotata, a corredo, di un sistema di elaborazione in post processing delle immagini di ultima generazione che consente ricostruzioni spaziali e studi di elevata specializzazione (volumetria epatica pre e post operatoria, colonscopie virtuali, etc) nonché aiuta il medico radiologo nella interpretazione delle immagini, confrontandole con esami di altra origine (RM, PET, etc) per arrivare ad una diagnosi più precisa e un follow up più attento nel percorso di diagnosi e cura del malato oncologico.

15 novembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Puglia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy