Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 14 LUGLIO 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Il Saues boccia la risoluzione: “Da rifare. Sui criteri proposti per la copertura dei posti carenti dannosa sia per i cittadini che per gli operatori”


19 OTT - In una lettera indirizzata al presidente della V Commissione Regionale della Campania, Stefano Graziano, e ai componenti della V Commissione tutta e, per conoscenza, il presidente Nazionale Saues (Sindacato Autonomo Urgenza Emergenza Sanitaria),  Paolo Ficco, esprime il proprio “disappunto per la risoluzione approvata dalla Quinta Commissione Permanente Sanità del Consiglio Regionale della Campania relativamente ai criteri proposti per la copertura dei posti carenti del Servizio 118, ritenendola dannosa sia per il servizio e, quindi, per l’assistenza sanitaria al cittadino-utente, sia per gli stessi operatori sanitari”.

“In primo luogo – spiega Ficco -, l’indicazione ad assumere medici convenzionati nel servizio 118 richiede un percorso lungo, a nostro avviso, della durata quasi di un anno, tenuto conto che spetta alle AA.SS.LL. indire i corsi di formazione ex art.22 dell’ACN di Medicina Generale, espletarli e stilare la graduatoria per le assunzioni. Questo, a fronte di una esigenza imminente di coprire la grave carenza attuale di personale medico che si aggraverà ulteriormente nei prossimi mesi a seguito della collocazione in quiescenza di medici, del loro passaggio ad altri servizi e del veto imposto dalla stessa risoluzione del rinnovo dei contratti a termine che scadono il 31 dicembre c.a.”.


Inoltre, “la scelta di assumere convenzionati in E.T.-118 è dannosa sia per il servizio che per gli operatori sanitari in quanto nell’ambito della stessa Azienda e Postazione opererebbero medici convenzionati e dipendenti i cui compiti sono regolamentati da contratto di lavoro differenti (Cfr:  Reperibilità, Ordini di servizio, Incarichi di subordinazione, etc.)”.

Ficco evidenzia, poi, come “le Aziende, inoltre, hanno la tendenza a conferire incarichi convenzionali a tempo determinato e quindi di precariato. Inoltre, gli incarichi a tempo indeterminato in regime di convenzione non garantiscono l’avanzamento di carriera o l’inquadramento nel ruolo sanitario”.

Per questo, “atteso che, allo stato attuale, le Aziende non riescono ad esperire alcuna soluzione per la copertura delle gravi carenze di personale medico del servizio 118 che purtroppo permangono”, il Saues invita la V Commissione Regionale “a riesaminare la questione onde superare le criticità sopra esposte e garantire il diritto al riposo diurno e settimanale del lavoratore, alla fruizione dell’aggiornamento professionale e ad evitare l’effettuazione di turni ‘massacranti’ in regime di straordinario per la copertura di quelli carenti di personale e, soprattutto, evitare la demedicalizzazione delle autoambulanze o la soppressione delle postazioni a danno del cittadino-utente, dei Pronto Soccorso ospedalieri e degli stessi operatori sanitari, esposti ad aggressioni  a seguito dei ritardi negli interventi sanitari”.

19 ottobre 2018
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy