Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 14 LUGLIO 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Infarto Miocardico Acuto: proporzione di trattati con PTCA entro 48 ore (media nazionale esiti 30,67%)


02 MAG - La Ptca è una metodica mini-invasiva che ha lo scopo di ripristinare in una determinata regione del muscolo cardiaco un adeguato flusso sanguigno evitando la comparsa degli eventi clinici che caratterizzano l'ischemia miocardica (angina, infarto miocardico). Un intervento coronarico percutaneo si definisce riuscito quando si ottiene un successo angiografico in assenza di outcome avversi durante l’ospedalizzazione (come morte o intervento di bypass aorto-coronarico post-procedurale in emergenza). Più alti volumi sono stati associati con migliori outcome, soprattutto quando la Ptca è eseguita nella fase precoce di un Ima, in cui è richiesta maggiore abilità ed esperienza rispetto ad un intervento di routine in un paziente stabile (Ptca in elezione), ed in letteratura è dimostrato il rapporto inverso tra la precocità di esecuzione della procedura nel paziente con Ima (tempo door-to-balloon) e la mortalità a breve termine. Una recente analisi delle revisioni sistematiche presenti in letteratura ha identificato come soglia di volume per la Ptca 200/400 casi/anno, al di sotto della quale l’efficacia dell’assistenza erogata potrebbe essere compromessa. Sono riportati i risultati delle strutture con un volume annuo di Ima superiore a 50.


Tutti gli esiti relativi a questo indicatore negli ospedali delle regioni del Nord Ovest sono statisticamente certi: o sono in fascia blu oppure rossa. Unica eccezione la struttura di Sarzana in Liguria, che si colloca in fascia grigia, quindi con un rischio relativo di errore.

Per quanto riguarda il Piemonte, ben cinque strutture raggiungono performance nettamente superiori al dato medio italiano. In particolare all’Ospedale Infermi a Rivoli (67,4%) a all’Umberto I di Torino (66%) le percentuali sono doppie rispetto alla media italiana. Esiti favorevoli anche all’Ospedale S. Andrea di Vercelli (49,6%), a TO Nord Emergenza S. G. Bosco (49,6%) e all’Ospedale Maggiore Carità di Novara (44,6%). Segno decisamente rosso invece per l’Ospedale Civile di Aqui Terme (2%) per il SS Pietro e Paolo a Borgosesia (2,5%) e al S. Biagio di Domodossola 2,9%. Esiti non appropriati si segnalano inoltre all’Ospedale S. Giacomo di Novi Ligure (3,2%) e all’Ospedale di Mondovì (3,6%.)

L’unica struttura della Valle d'Aosta, l’Ospedale U. Parini si presenta con un segno positivo: 51,9%.

In Lombardia, la clinica S. Rocco di Franciacorta a Ome (Brescia) si aggiudica un valore pari a 76,8%. Esiti favorevoli si registrano anche negli Istituti clinici S. Ambrogio a Milano e all’Humanitas di Rozzano rispettivamente con il 69,5% e il 69%. Le Cliniche Gavazzeni di Bergamo e il Policlinico di Monza mostrano esiti rispettivamente pari a 66,4% e 60,6%. Segno decisamente negativo invece per la Clinica Poliambulanza di Brescia (0,8%) seguita dall’Ospedale Calcamonica a Esine (1,1%) e dal Policlinico S. Pietro a Ponte San Pietro 1,2%. Esiti molto lontani dalla media si registrano poi all’Ospedale Civile Destra Secchia a Pieve di Coriano (2,2%) e all’Ospedale di Desenzano del Garda (3,8%).

Fiore all’occhiello della Liguria è il Galliera di Genova con una proporzione aggiustata che si attesta all’82,3%. Performance più che soddisfacenti anche all’Ospedale Felettino di La Spezia (67,1%) al Villa Scassi di Genova (61%) all’ospedale di La Spezia (58,3%) e agli Ospedali Riuniti Leonardi di Lavagna 58,1%. È invece allarme rosso per l’Azienda ospedaliera di San Remo che registra uno 0,5%. Ma si posizionano in fascia rossa anche l’azienda ospedaliera di Imperia (1,8%), gli Ospedali Gallino e Micone di Genova rispettivamente con il 2,7%. In quint’ultima posizione, in fascia grigia, ma con una performance comunque positiva (il dato è superiore alla media italiana) troviamo infine l’Ao S. Bartolomeo di Sarzana con un 32,8%.
 

02 maggio 2012
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy