Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 14 LUGLIO 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Ictus: mortalità a 30 giorni dal ricovero (media nazionale esiti 9,94%)


02 MAG - Ictus o Stroke è comunemente definito come una sindrome clinica caratterizzata dal rapido sviluppo di segni focali o generali di disturbo delle funzioni cerebrali che durano più di 24 ore e possono condurre a morte, con apparente origine vascolare. Esistono diversi tipi di ictus cerebrale con diversa patogenesi. Circa l’80-85% è di natura ischemica, circa il 15-20% è di origine emorragica (emorragia cerebrale nella maggior parte, meno frequentemente emorragia subaracnoidea). Le forme ischemiche sono in genere a prognosi migliore rispetto alle forme emorragiche ed hanno una letalità a 30 giorni oscillante nei vari studi tra il 10% e il 15%. La mortalità a 30 giorni dopo ricovero per ictus è considerata un indicatore valido e riproducibile dell’appropriatezza ed efficacia del processo diagnostico-terapeutico che inizia con il ricovero ospedaliero. Viene misurato l’esito a partire dalla data di primo accesso in ospedale del paziente, che corrisponde alla data di ricovero per stroke o dell’accesso in Pronto soccorso immediatamente precedente il ricovero. L’attribuzione dell’esito alla struttura di primo accesso (struttura di ricovero o dalla struttura sede del PS) non implica la valutazione della qualità dell’assistenza fornita da quella struttura ma dell’appropriatezza ed efficacia del processo assistenziale che inizia con l’arrivo del paziente a quella struttura. Sono riportati i risultati delle strutture con un volume annuo di ictus > 50.


In Piemonte i tassi di mortalità aggiustati incoronano come struttura con gli esiti più favorevoli per quanto riguarda la mortalità a 30 giorni dal ricovero per ictus, l’Ospedale S. Antonio e Margherita a Tortona con un valore pari a 4,3%. In seconda posizione, ma in fascia grigia quindi con un rischio relativo di errore, c’è l’Istituto SS Trinità di Arona (6,5%). Segue sempre in fascia grigia l’Ospedale S. Giovanni Battista di Torino con un tasso di mortalità pari a 6,9%. Nella rosa dei cinque ospedali con le performance più favorevoli, ma con rischio di errore, ci sono infine il Presidio S. Gradenico a Torino (7%) e l’Ao Universitaria S. Luigi di Orbassano (7,3%).
È invece “allarme rosso” all’Ospedale S. Spirito di Casale Monferrato, nel quale si osserva un tasso di mortalità del 19,3% e all’Ospedale Maggiore di Savigliano (19%). Segue, ma in fascia grigia l’Ospedale Civile di Aqui Terme con un tasso di mortalità del 17,3%. Segno rosso per l’Ospedale S. Croce di Moncalieri (15,9%) tallonato dall’Ospedale Maggiore di Chieri in fascia grigia (15,3%).

È favorevole l’esito dell’Ospedale U. Parini di Aosta co un tasso pari a 6,2%.

In Lombardia le strutture con le migliori perfomance, ma iscritte nella categoria grigia, vanno da un tasso minimo di mortalità, il 3,9%, dell’Ospedale Treviglio e Caravaggio a Treviglio, al 5,2% e al 5,4% rispettivamente degli ospedali Maggiore di Lodi e L. Confalonieri di Luino. Al Presidio Ospedaliero Civili di Brescia e all’Istituito Clinico Humanitas di Rozzano gli esiti raggiungono il 5,7%. La maglia nera, con dati statisticamente certi, spetta invece a due strutture lombarde: l’Ospedale Bassini di Cinisello Balsamo (21,8%) e l’Ospedale S. Maria delle Stelle a Melzo (15,8%). Chiudono la rosa delle cinque strutture con gli esiti più sfavorevoli l’Ospedale Civile di Vigevano (14,6%), l’Ospedale Maggiore di Crema (14,2%) e il Policlinico S. Donato Milanese (14%).

In Liguria il gruppo delle prime cinque strutture con i tassi di mortalità più bassi, e tutte in fascia grigia, è guidato dagli Ospedali Riuniti Leonardi di Lavagna (6,2%) seguito dall’Ospedale Misericordia di Albenga (7,9%). Le restanti strutture, con dati che però superano la media italiana, sono l’Ospedale A. Micone di Genova (10,5%), l’Ao San Remo (11,2%) e l’Ospedale S. Corona di Pietra Ligure (11,2%).
Valori negativi, quindi sempre superiori alla media, e senza margine di errore, si osservano invece nell’Azienda ospedaliera di Imperia (17,7%), e nell’Ospedale di La Spezia (17,1%) e al S. Paolo di Savona (16,7%). Chiudono il gruppo, in fascia grigia, l’Ospedale Galliera e l’Ao S. Martino di Genova rispettivamente con un tasso di mortalità aggiustata del 13,2% e del 12,3%.
 

02 maggio 2012
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy