Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 14 LUGLIO 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Ictus: mortalità a 30 giorni dal ricovero (media esiti Italia 9,94%)


09 MAG - Ictus o Stroke è comunemente definito come una sindrome clinica caratterizzata dal rapido sviluppo di segni focali o generali di disturbo delle funzioni cerebrali che durano più di 24 ore e possono condurre a morte, con apparente origine vascolare. Esistono diversi tipi di ictus cerebrale con diversa patogenesi. Circa l’80-85% è di natura ischemica, circa il 15-20% è di origine emorragica (emorragia cerebrale nella maggior parte, meno frequentemente emorragia subaracnoidea). Le forme ischemiche sono in genere a prognosi migliore rispetto alle forme emorragiche ed hanno una letalità a 30 giorni oscillante nei vari studi tra il 10% e il 15%. La mortalità a 30 giorni dopo ricovero per ictus è considerata un indicatore valido e riproducibile dell’appropriatezza ed efficacia del processo diagnostico-terapeutico che inizia con il ricovero ospedaliero. Viene misurato l’esito a partire dalla data di primo accesso in ospedale del paziente, che corrisponde alla data di ricovero per stroke o dell’accesso in Pronto soccorso immediatamente precedente il ricovero. L’attribuzione dell’esito alla struttura di primo accesso (struttura di ricovero o dalla struttura sede del PS) non implica la valutazione della qualità dell’assistenza fornita da quella struttura ma dell’appropriatezza ed efficacia del processo assistenziale che inizia con l’arrivo del paziente a quella struttura. Sono riportati i risultati delle strutture con un volume annuo di ictus > 50.

 
Nella Pa di Bolzano troviamo tutte e tre le strutture di cui sono presenti gli esiti al di sotto della media, anche se in colore grigio. Nella Pa di Trento, invece, è presente solo l’esito dell’Ospedale di Trento che ha fatto registrare il 6,8%, ma anche in questo caso l’esito è segnato in grigio.
In Veneto, il primo esito è quello dell’Ospedale Sacro Cuore di Negrar con il 3,4%, ma la struttura è segnata in grigio. Subito dopo c’è l’Ospedale S. Antonio di Padova con il 4%, ma in questo caso il dato è statisticamente corretto ed è per questo l’esito favorevole è segnato in blu. Per quanto attiene invece gli ultimi esiti troviamo, con dati sotto la media e validi statisticamente (per cui segnati in rosso) il Pad. Osp. De Lellis di Schio con il 25,4%, seguito dall’Ospedale S. Martino di Belluno al 22,9% e dall’Ospedale dell'Angelo di Venezia al 15,3%.
Spostando il focus sul Friuli Venezia Giulia, delle nove strutture di cui sono presenti i dati, in testa tra gli esiti sotto la media si attesta l’Ospedale Civile di  Latisana con il 6,3%. Al secondo posto si trova l’Ospedale S. Antonio di S. Daniele del Friuli con il 7,1%, seguito dall’Ao S. Maria degli Angeli di Pordenone (7,6%). Sebbene sotto la linea mediana nessun presidio friuliano è segnato in blu. Spostando invece l’obiettivo sugli ultimi esiti troviamo l’Ospedale Civile di Palmanova con il 16,7%, ma segnato in grigio, seguito dall’Ao Riuniti di Trieste con il 14,3%, struttura invece, segnata in rosso e quindi con un esito sfavorevole e statisticamente corretto.

09 maggio 2012
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy