Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 LUGLIO 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Lazio. Tdm: “Stop ai decreti con tagli lineari”

È l’appello lanciato al commissario ad acta del Lazio Bondi e al ministro della Salute Balduzzi dal Tribunale per i diritti del malato. Che avanza tre proposte “che potrebbero sfociare in decreti”.

06 DIC - "Stop ai decreti con tagli lineari. I cittadini potrebbero reagire con gravi forme di protesta." Questo è l'appello lanciato daal Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva al commissario ad acta della Regione Lazio, Enrico Bondi e al ministro della Salute, Renato Balduzzi.

"Ci troviamo davanti ad una crisi senza precedenti e con una classe dirigente regionale incapace di affrontarla con serietà e competenza”, aggiunge il Tdm. “Siamo consapevoli che ormai è necessaria una vera svolta sia per la classe politica che per tutti quegli attori che, come il sindacato e le imprese che  in questi anni sono stati anch’essi responsabili di azioni poco incisive e/o con atteggiamenti a dir poco ambigui nei confronti delle Istituzioni regionali”.

“I cittadini del Lazio – prosegue la nota del Tribunale per i diritti del malato - si trovano a fare i conti con abusi e disservizi, a dover ricorrere all’ospedale per assenza di alternative accettabili, a non avere informazioni sui servizi, a subire le liste di attesa, ad avere rapporti con personale poco attento ai loro diritti. Resta  pesante l’invadenza della logica della spartizione partitica nelle nomine dei direttori generali e anche dei responsabili di dipartimento, privilegiando l’appartenenza politica piuttosto che la competenza. Ciò continua ad avvenire in molte situazioni e rischia di far passare in secondo piano la qualità e il servizio al cittadino.  In mezzo a tutto questo sono presenti nella nostra regione eccellenze in quasi tutti gli ospedali pubblici che ogni giorno garantiscono cure a adeguate ai cittadini”.


Il Tribunale per i diritti del Malato, “riconosce che la salvaguardia del servizio sanitario pubblico - incompatibile a qualsiasi taglio lineare - passa attraverso una profonda innovazione organizzativa, che elimini gli sprechi, perseguendo l’appropriatezza e l’efficacia dei servizi, facendo leva sulla partecipazione, contribuendo ad un’introspezione critica nell’ambito del Ssn ed offrendo capacità progettuali e propositive”.

Lancia quindi tre proposte “concrete” che “potrebbero sfociare in decreti veri e propri”:
 
1. che sia sviluppata un’approfondita disamina dei bisogni e delle esigenze sanitarie sul territorio, e, procedendo ad una razionalizzazione e semplificazione dei setting di cura basati sulla medicina dell’evidenza, verificare le dislocazioni dei presidi e dei servizi, per puntare ancor più meticolosamente sull’appropriatezza, qualità e sicurezza dei servizi stessi;
 
2. che si tenga conto del trend demografico - con l’incremento della senescenza e della denatalità - e della diversa composizione sociale - con il fenomeno dell’immigrazione - ripensando complessivamente ed unitariamente i servizi pubblici per la salute:          
    a) incrementando la prevenzione (tout court) e nelle diverse condizioni assistenziali;   
    b) riequilibrando gli interventi, dall’ospedale al territorio;
    c) ma anche riqualificando l’assistenza: negli ospedali, attraverso i principi dell’intensità di cura e sul territorio, mediante l’istituzione delle Case della salute e l’applicazione generalizzata della “sanità di iniziativa” per la gestione delle cronicità, nell’ambito del “chronic care model”;

3. che – secondo una tradizione partecipativa - si apra un autentico e costruttivo confronto su queste problematiche al quale siano chiamati i cittadini e le loro rappresentanze, come portatori di conoscenze, esperienze, progettualità e riscontri: contributi da considerare particolarmente preziosi, ove si intenda il Servizio Sanitario Nazionale in un’accezione sistemica e si voglia praticare un governo democratico negli interventi strutturati finalizzati alla salute.
 

06 dicembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy