Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Toscana. Marroni: "Diminuito il tasso di ospedalizzazione e migliorata la qualità delle cure"

L'assessore regionale alla Sanità ha illustrato, in risposta a una richiesta del Pdl, gli obiettivi raggiunti in questi anni. "Nonostante una crisi senza precedenti, abbiamo mantenuto il livello dei servizi, continuando a investire e a innovare".

27 MAR - L'assessore al diritto alla salute della Toscana, Luigi Marroni ha illustrato gli obiettivi raggiunti in questi anni dalla sanità toscana, la situazione dei bilanci e le iniziative messe in atto per potenziare i controlli, e la riorganizzazione del Sistema sanitario toscano avviata da luglio scorso. L’intervento dell’assessore in consiglio regionale ha rappresentato una risposta alla richiesta del Pdl di fare il punto circa lo stato della riforma sanitaria in atto. Questi i principali riscontri snocciolati da Marroni:

-La speranza di vita: i toscani vivono più a lungo. Un toscano ha un’aspettativa di vita di 79,9 anni se maschio e di 84,9 se femmina (media italiana rispettivamente 79,2 e 84,4).
- La mortalità generale in costante e progressiva diminuzione e sempre minore di quella italiana. La mortalità infantile (nel primo anno di vita) è diminuita in Toscana nel corso degli anni, assestandosi intorno al 2,6 per 1.000 nati nel biennio 2007-2008, rispetto a una media italiana di 3,3; la mortalità perinatale (a 6 giorni dalla nascita) è di 1,9 morti ogni 1.000 nati vivi (media italiana 2,4). Mortalità generale: 107.88 ogni 10.000 residenti nei maschi e 67.88 ogni 10.000 residenti femmine (media italiana, rispettivamente 110.92 e 69.46. Diminuisce la mortalità per tumori, sia nei maschi che nelle femmine in tutte le classi di età. La sopravvivenza migliora anche grazie ad un miglioramento nelle cure e nella prevenzione.

- Esiti e qualità in ospedale. Nel Programma nazionale Esiti 2012, del Ministero della salute e Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), la Toscana è nel gruppo di testa e migliora più delle altre regioni. Questo significa che è in grado di salvare più vite ed evitare più morti.
- Gli stili di vita. La percentuale di sedentari tra i 18 e i 69 anni nel 2010 è pari al 29% in Toscana e al 31% in Italia. In media, 7 bambini toscani di 8-9 anni su 100 sono obesi, contro 11 della media italiana; e 8 adulti (media italiana 10).
- Il tasso di ospedalizzazione. Diminuiscono i ricoveri inappropriati, aumentano gli interventi chirurgici.
- La qualità delle cure. Per le fratture di femore nel 2011 la Toscana arriva al 60% di fratture operate nelle 48 ore e nel 2012 raggiunge il 71%, contro una media nazionale ferma al 39%. Siamo l’unica regione in Italia ad aver ottenuto tali risultati di miglioramento.
- Gli accessi al pronto soccorso sono leggermente diminuiti. 1.182.330 accessi nel 2011; 1.098.897 accessi nel 2012. Segno che la popolazione fa un utilizzo sempre più corretto di questo servizio e che aumenta la risposta che il cittadino trova nei servizi offerti dai medici di base.
- I servizi territoriali. Il lavoro svolto dai medici di famiglia e l’attivazione sempre più ampia del programma Sanità d’iniziativa e del Chronic Care Model ha permesso di ridurre le ospedalizzazioni per patologie croniche.
- La Toscana produce innovazione clinica a livello nazionale ed europeo. Tra le azioni di valore assistenziale e scientifico più significative, si ricorda la strategia adottata nel 2012 per lo screening del tumore della cervice uterina: la Toscana è passata dal Pap test al test Hpv. Questo pone la Toscana all’avanguardia in Italia nell’innovazione e trasferisce in un programma di screening anni di fruttuosa ricerca scientifca, di cui Ispo (Istituto per lo studio e la prevenzione dei tumori) è stato protagonista.
- Il giudizio dei cittadini toscani a dicembre 2012. Nell’ultimo trimestre 2012 il Mes (Laboratorio Management e Sanità della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa) ha effettuato un’indagine telefonica di soddisfazione della popolazione sui servizi pubblici. Su un totale di circa 2.600 interviste, oltre il 50% dei cittadini è più che soddisfatto del servizio sanitario toscano, che risulta essere il servizio più apprezzato, e solo il 2,6% si dichiara totalmente insoddisfatto.

L’equilibrio economico e i bilanci
“Nonostante alcuni gravi fatti accaduti negli ultimi anni, il sistema sanitario regionale è sano – ha chiarito l’assessore Marroni – Lo dimostra, in modo inconfutabile, il fatto che la Regione Toscana fino ad oggi non è mai stata sottoposta ad alcun tipo di piano di rientro, superando sempre la verifica da parte dello specifico Tavolo Ministeriale istituito per verificare il rispetto degli adempimenti a carico delle Regioni. Voglio sottolineare che solo altre 7 Regioni oltre alla Toscana oggi non sono in piano di rientro. Ed è notizia della scorsa settimana che il Tavolo ha valutato positivamente la sanità toscana anche per l’anno 2011. Questo significa che fino al 2011 compreso (sono inclusi quindi tutti gli effetti della vicenda della Asl di Massa)  è stato confermato che dal punto di vista economico la sanità toscana è in pareggio”. L’assessore ha sottolineato quanto sia “fuorviante utilizzare, come è stato fatto nelle scorse settimane, risultati economici infra-annuali e cumulativi aziendali, e anche trarre conclusioni sull’andamento complessivo del sistema regionale, sommando i risultati economici di più aziende”.
 
Nel complesso, secondo Marroni, il Sistema sanitario toscano "è solido, ben strutturato e in crescita. Nonostante una crisi senza precedenti, abbiamo mantenuto il livello dei servizi ed erogato molte performance, continuando a investire e a innovare, contenendo i costi operativi e rinnovando e potenziando il sistema dei controlli". 

27 marzo 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy