Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 17 SETTEMBRE 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Puglia. Allarme di medici e infermieri: "Carenze strutturali stanno causando diminuzione Lea"

E' quanto emerge da un incontro che ha chiamato a raccolta tutti i professionisti della sanità pugliese. "Il mancato potenziamento delle cure territoriali sta favorendo il ricorso alla sanità privata e un improprio accesso ai Pronto soccorso".

27 MAR - I professionisti della sanità pugliese stanno attraversando una fase di disagio e difficoltà "a causa delle gravissime carenze organizzative del sistema sanitario regionale”. E’ l’allarme lanciato al termine dell’incontro che, svoltosi presso l’Ordine dei medici di Bari, ha riunito i presidenti provinciali pugliesi dei collegi Ipasvi (infermieri, infermieri pediatrici e assistenti sanitari), degli Ordini dei medici e degli odontoiatri, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e delle associazioni mediche di categoria aderenti alla Conferenza permanente regionale della professione medica ed odontoiatrica.

“La nostra Regione, purtroppo, sconta ataviche carenze strutturali ed una più recente inadeguatezza sul piano programmatico e gestionale che – attacca una nota congiunta - in questo momento storico, caratterizzato dalla grave crisi economica e dalla riduzione di risorse al Servizio Sanitario Regionale, stanno determinando una reale riduzione dei livelli essenziali di assistenza”.

Secondo medici e infermieri, in molte zone della regione non è più possibile assicurare la continuità assistenziale ed il mancato potenziamento delle cure territoriali “sta favorendo un improprio accesso ai pronto soccorso ed il ricorso all’assistenza privata, a causa delle lunghe liste d’attesa, con costi a carico del cittadino”.

I Presidenti degli Ordini provinciali dei Medici e dei Collegi Ipasvi hanno quindi deciso di aggiornare la seduta per invitare alla partecipazione “tutti i rappresentanti delle professioni sanitarie pugliesi al fine di condividere le preoccupazioni circa la tenuta del Servizio Sanitario Regionale, avviando azioni in sua difesa, e al fine di contribuire ad una radicale svolta della politica sanitaria regionale, mettendo a disposizione del governo regionale le proprie competenze attraverso l’istituzione del consiglio sanitario regionale, organismo di confronto e – conclude la nota - di consultazione sul modello di quello toscano.
 

27 marzo 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy