Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 28 MAGGIO 2022
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Toscana. Anziani e Rsa. Circa 1 ospite su 4 è ad elevato rischio di malnutrizione


Il dato su un campione di 67 residenze nella regione. A rischio di ulcere da pressione quasi il 50% degli assistiti, mentre ha un elevato rischio di cadute circa il 60%. La nota positiva è che dopo un anno di osservazione, il 68% di loro risulta stabile o migliorato cognitivamente. 

07 MAG - Monitorare in modo adeguato i principali problemi di qualità dell’assistenza nelle strutture residenziali per anziani è diventata una necessità: queste strutture hanno infatti avuto un grande sviluppo in Italia negli ultimi 15 anni e la domanda di assistenza residenziale crescerà ancora soprattutto a causa dell’invecchiamento della popolazione. Ma l’attuale disponibilità di assistenza residenziale per anziani in Italia, in particolare per le persone non autosufficienti, varia molto tra le regioni: per offerta, condizioni strutturali, organizzative, tariffarie e configurazioni amministrative. Ed anche il monitoraggio sulle strutture viene realizzato in modo discontinuo e non sistematico, oltre che essere affidato a fonti informative diverse. Per questo è stato avviato il progetto ministeriale Ccm “Il monitoraggio della qualità dell'assistenza in Rsa”. Con questa iniziativa si è voluto indagare in particolare le Residenze sanitarie assistite (Rsa), coinvolgendone in totale oltre 150 per un totale di circa 9.600 posti letto.

L’obiettivo generale del progetto ministeriale Ccm 2010, a cui hanno lavorato 4 Unità operative (Toscana, Liguria, Emilia-Romagna e l’Istituto superiore di sanità) con il coordinamento scientifico di Stefania Rodella (Agenzia sanitaria e sociale regionale Emilia-Romagna), è stato duplice: da un lato tentare di descrivere in modo sistematico la qualità dell’assistenza in Rsa; dall’altro proporre un insieme di indicatori appropriati per monitorare sia il processo che l’esito dell’assistenza, potenzialmente arricchendo e integrando i sistemi informativi attualmente usati. Gli indicatori misurati riguardano alcuni dei principali problemi di salute e psicosociali delle persone prese in carico dalle strutture residenziali, le difficoltà relazionali dei familiari e le difficoltà di personalizzazione e umanizzazione delle strutture stesse. È stata fatta inoltre una ricognizione ed un’analisi comparativa della normativa, dello stato di attuazione del processo di accreditamento istituzionale del settore sociale, dei modelli organizzativi e dei percorsi di cura in Rsa.
L’indagine effettuata dalla Toscana (Regione Toscana, Agenzia regionale di sanità e Università di Firenze), che è l’Unità operativa capofila, ha riguardato: ulcere da pressione, cadute, incontinenza urinaria, utilizzo dei mezzi di contenzione, declino funzionale e cognitivo, dolore, malnutrizione, appropriatezza prescrittiva dei farmaci, accessi a prestazioni specialistiche e al Pronto soccorso. L’indagine toscana ha coinvolto nel periodo di osservazione (2011-2012) un campione di 67 residenze, per un totale di 2.801 posti letto.

Dall’indagine dell’UO Toscana è emerso che 10% degli ospiti nelle RSA toscane sono allettati ed il 28% sono affetti da demenza grave. È a rischio di ulcere da pressione quasi il 50% degli ospiti, mentre ha un elevato rischio di cadute circa il 60% degli ospiti. Il 76% degli ospiti soffre inoltre di incontinenza urinaria ed il 62% è sottoposto a mezzi di contenzione (spondine o altro mezzo). Quasi 1 ospite su 4 manifesta dolore di varia natura, e ancora 1 su 4 circa è ad elevato rischio di malnutrizione. Quasi la metà delle RSA non dispone di una bilancia adeguata per pesare i propri ospiti. Gli anziani che entrano nelle RSA Toscane sono trattati da un punto di vista farmacologico in modo più appropriato rispetto a quando vivevano in comunità. Dopo 1 anno di osservazione, il 68% degli ospiti risultano stabili o migliorati cognitivamente, il 58% sul piano funzionale.

07 maggio 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy