Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 08 APRILE 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Roma. L’allarme dell’Anaao: “Il San Camillo Forlanini è allo stremo. Sfiducia a Morrone”

Per il sindacato l’ospedale non è più in grado di sostenere la missione che gli compete. Aumentata la mortalità in P.s., prolungata la permanenza sulle barelle, gravi carenze nella dotazione organica e abuso di precariato. Schiavo: “Il Dg negli ultimi due anni è stato incapace di formulare proposte gestionali o assistenziali e ha subito passivamente i tagli lineari”.

31 MAG - L’Anaao Assomed lancia l’allarme San Camillo. E in una nota riporta le criticità più rilevanti che stanno colpendo l’ospedale:
 
-Preoccupante aumento della mortalità in Pronto Soccorso tra i pazienti in codice verde, i meno critici: 3 decessi nel 2005, 30 nel 2011, 57 nel 2012. Nel primo trimestre 2013 i decessi sono stati già 16. L’Anaao Assomed ha già segnalato nel luglio 2011 e nel novembre 2012 questo dato alla Direzione generale: nessuna risposta.
 
-Prolungata permanenza in barella, nella mortificante attesa di un posto letto. Nel 2011 hanno stazionato per più di 48 ore 1181 pazienti, che sono diventati 1588 nel 2012 e sono già 420 nel primo trimestre 2013.
 
-Necessità quotidiana di allestire posti letto in soprannumero nei corridoi dei reparti.
 
-Gravi carenze nella dotazione organica di infermieri, medici, tecnici. In reparti come la neurochirurgia e la neuroradiologia interventistica l’attività programmata, anche per patologie di rilievo, è ferma da mesi e vengono eseguite solo le procedure in urgenza.

 
-Abuso del ricorso al precariato con il conferimento di contratti atipici per avere a basso prezzo mano d’opera qualificata da utilizzare per l’assistenza, in violazione delle norme vigenti.
 
-Aumento dei costi di gestione: il costo medio di un dimesso è passato da 5800 euro nel 2005 a 9400 euro nel 2011, ultimo bilancio pubblicato. Effetto paradossale ma prevedibile di una politica di tagli non accompagnata da processi di riorganizzazione.
 
“Il Direttore Generale Aldo Morrone – specifica il segretario aziendale Anaao-Assomed, Bruno Schiavo -  negli ultimi due anni è stato incapace di formulare proposte gestionali o assistenziali e ha subito passivamente i tagli lineari imposti dalla politica nazionale e regionale. Per questo la Segreteria e il Consiglio aziendale Anaao-Assomed del San Camillo Forlanini dichiarano la propria sfiducia nei suoi confronti”.
 
“Dal febbraio 2012 – prosegue Schiavo - , momento di grande attenzione mediatica per gli ospedali romani, nulla è stato fatto. Nel Pronto soccorso i protagonisti del sovraffollamento sono pazienti critici, anziani e con più patologie, mai con patologie minori. Persone che avrebbero diritto ad un posto letto, ad un comodino e alla disponibilità di servizi igienici vengono invece assistite e curate per giorni e giorni su di una barella in assoluta, intollerabile promiscuità. Senza distinzione di sesso, uomini e donne a distanza di pochi centimetri l’uno dall’altro. Una totale mancanza di attenzione alla dignità della persona, alla sicurezza delle cure, alla professionalità di chi li assiste”.
 
 
“In tutti i reparti – specifica il segretario aziendale Anaao - le gravi carenze d’organico e di posti letto sono state finora fronteggiate solo grazie alla grande disponibilità e professionalità del personale che con spirito di appartenenza non ha gettato la spugna: l’autogestione è il modello organizzativo che finora ha impedito il naufragio. Ma il disagio è intollerabile e numerosi Primari hanno già dichiarato che non c’è più garanzia per la qualità e la sicurezza dell’assistenza”.
 
“È evidente – conclude - che questa Direzione purtroppo non ha e non ha mai avuto le capacità e l’autorevolezza per programmare, per decidere, per confrontarsi con la Regione, per sostenere il ruolo del San Camillo Forlanini, luogo di assistenza e non di propaganda, e le giuste richieste dei cittadini e di chi lavora nell’ospedale.  I medici del San Camillo Forlanini, che credono nella sanità pubblica, non intendono assistere passivamente a questo tracollo, chiedono attenzione e rispetto per chi è ricoverato e per chi lavora nell’ospedale gridando lo slogan della grande manifestazione nazionale del 27/10/2012: Diritto alla cura, diritto a curare”.

31 maggio 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy