Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 17 SETTEMBRE 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Liguria. Arriva il "bed manager". Combatterà le liste d'attesa

A partire dal prossimo autunno, la nuova figura professionale avrà il compito di snellire il flusso dei pazienti in entrata e uscita dai reparti. Montaldo: "C’è sicuramente bisogno di un richiamo ai medici di famiglia e agli specialisti sull'appropriatezza ma una richiesta programmata ha bisogno di tempo". 

04 GIU - Una nuova figura professionale, con il compito di ottimizzare il flusso di entrata e uscita dai reparti dei pazienti, facilitando i processi di ricovero e di dimissione. E’ il ‘bed manager’, che verrà introdotto, in autunno, in Liguria nell’Ospedale San Martino e negli altri nosocomi. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Salute, Claudio Montaldo.

Montaldo ha poi affrontato il problema delle liste d’attesa, sottolineando “come i medici che prescrivono le prestazioni sanitarie devono indicare sulla ricetta l’urgenza, che va accolta nell’arco delle 72 ore, in pochi giorni se differita o nel corso dell’anno se invece è programmata”.
Nelle strutture sanitarie della Liguria, “il 61 per cento dei prescrittori- ha affermato l’assessore - indica correttamente questa qualificazione nella richiesta. Complessivamente, nei primi tre mesi del 2013 registriamo 280 mila prestazioni, cifra che, al di là di qualche problema, conferma che il sistema sanitario si muove, funziona”.

Per Montaldo, “c’è sicuramente bisogno di un richiamo ai medici di famiglia e agli specialisti affinché prescrivano le visite in maniera precisa e corretta, ma bisogna riconoscere che una richiesta programmata ha bisogno di tempo”. L’assessore ha poi riconosciuto la debolezza di alcuni settori. “Uno di questi – ammette - è sicuramente l’oculistica che come l’ortopedia, è oggetto di una sorta di mercato commerciale, con medici che portano pazienti fuori regione o negli studi privati. La sanità ligure, nell’oculistica ha un’offerta abbastanza bassa, l’Asl 3, con la nuova struttura di Sestri Ponente sta però recuperando moltissimo. Non è così per San Martino”.


Sul fronte delle fughe, Montaldo afferma che “bisogna fare di più, tenere aperte le sale operatorie, lavorare al pomeriggio. Le fughe sono ancora molte, nel 2011 abbiamo avuto 57 milioni di valore attività negativo, ma nel 2012 , con l’apertura di ortopedia ad Albenga, saranno sicuramente meno, con 7/8 milioni di valore di attività già acquisiti”.

04 giugno 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy