Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 24 MAGGIO 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Veneto. Aviaria. Coletto e Izs: “In Regione nessun focolaio. Controlli a tappeto”

“Non c’è nessun pericolo per la popolazione dal punto di vista virologico. Le carni di pollo e tacchino e le uova in vendita nel Veneto sono assolutamente sicure, controllate e mangiabilissime”. Parola dell’assessore alla Sanità che ha specificato come “i controlli dei servizi veterinari e dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezie sono continui”.

30 AGO - “Ad oggi gli allevamenti avicoli del Veneto sono assolutamente esenti dall’’influenza aviaria; i controlli dei servizi veterinari e dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezie sono continui, pressoché H24; ieri al tavolo tenutosi al Ministero della salute si è rafforzata la sinergia con le Regioni contermini all’Emilia Romagna dove si sono verificati 4 focolai; non c’è nessun pericolo per la popolazione dal punto di vista virologico; le carni di pollo e tacchino e le uova in vendita nel Veneto sono assolutamente sicure, controllate e mangiabilissime”.
 
Il messaggio rassicurante è venuto oggi dall’assessore regionale alla sanità del Veneto Luca Coletto che, reduce dal vertice nazionale di ieri, ha convocato una conferenza stampa all’Ulss 20 di Verona “per dare informazioni trasparenti alla gente – ha detto - e rassicurare i nostri imprenditori del settore, giustamente preoccupati per la possibilità che insorga una sorta di ‘psicosi’ tra popolazione e consumatori”.
 
Coletto era affiancato dal direttore generale dell’Izs, Igino Andrighetto, e dal direttore sanitario, Stefano Marangoni, considerato uno dei maggiori esperti europei di aviaria.

 
“I consumatori veneti – ha sottolineato Coletto - possono stare assolutamente tranquilli: i controlli sono giornalieri e stanno confermando l’assenza del virus negli allevamenti veneti dove, peraltro, il livello di attenzione dei servizi veterinari è al massimo sin dall’inizio del due focolai nel ferrarese. Ringrazio i nostri veterinari e i tecnici dell’Izs – ha aggiunto Coletto – perché pochi sanno che questo lavoro li impegna 24 ore su 24 7 giorni su 7”.
Notizie rassicuranti anche dai tecnici. In particolare, Andrighetto ha ricordato che in Veneto esiste e funziona ottimamente un Centro regionale epidemiologico specifico e che tutti gli allevamenti sono mappati.
 
Coletto ha posto anche l’accento sulla valenza economica del settore nel Veneto, con  circa 1.600 allevamenti, particolarmente diffusi nella provincia di Verona, che produce il 70% della carne di tacchino e il 50% di quella di pollo.

30 agosto 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy