Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 26 NOVEMBRE 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Lazio. Crolla la spesa delle famiglie per la salute. Uil: “Dal 2009 calo del 15%”


Flessione costante per visite specialistiche ed esami. Diminuisce anche il numero strutture ospedaliere e dei posti letto, rispettivamente del 7,5% e del 15,7%, nel periodo 2008-2012. È quanto emerso da uno studio condotto della UIl Lazio in collaborazione con l’istituto Eures.

18 SET - Chiudono gli ospedali, mancano i posti letto e diminuiscono i soldi per potersi curare. Questo il quadro a tinte fosche emerso da uno studio condotto dalla Uil Lazio in collaborazione con l’istituto Eures, ricerche economiche e sociali. Nel 2012 la spesa media mensile sanitaria per la famiglie del Lazio si è attestata a 88,36 euro, il valore più basso registrato dal 2008 ad oggi. Nel 2010, infatti, la stessa spesa mensile era pari a 104,18 euro. Cifra che nel 2011 scendeva a 95,96 euro, con un’inflessione pari al 6% tra il 2009 e il 2011. Secondo lo studio, quindi, a fronte di un andamento invariato nelle altre regioni italiane, dal 2008 a oggi nel Lazio si registra una progressiva flessione, che nel 2012 è pari al -7,9% rispetto al 2011 (-9,8% al netto dell’inflazione). Contrazione che raggiunge il 15,2% se si considera il triennio 2010–2012.
 
A tutto questo deve inoltre aggiungersi una riduzione delle strutture ospedaliere che, tra il 2008 e il 2012, sono diminuite del 7,5% ( - 7,7% pubbliche, - 7,2% private). Un dato in controtendenza rispetto alle regioni del Nord dove sono invece aumentate del 13,9%. Gli stessi posti letto nel Lazio hanno subito un forte calo: 15,7% (-10,7% nelle strutture pubbliche; -28,4% in quelle accreditate), con un taglio del 5,7% del personale medico e del 5% di quello infermieristico.

 
“I dati confermano - ha commentato il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio, Pierpaolo Bombardieri - che i cittadini, fortemente provati da questa crisi, stanno tagliando purtroppo anche le spese di primaria importanza, come la sanità. Rimettendoci in salute e abolendo completamente controlli e prevenzione, che dovrebbero essere alla base di un Paese civile”.
 

18 settembre 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy