Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 17 LUGLIO 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Assicurazioni. La gara bloccata in Sicilia. Acoi: “Gli unici truffati sono medici, infermieri e cittadini”

“Crocetta sbaglia a parlare di truffa al sistema sanitario siciliano”. Per i chirurghi dell’Acoi la proposta di ricorrere all’autoassicurazione è impraticabile perché se il fondo dovesse esaurirsi ne risponderebbe direttamente il sanitario. Serve una copertura assicurativa omogenea in tutta Italia.

22 DIC - "È inutile, tardivo e miope parlare di "truffa al sistema sanitario" siciliano, gli unici truffati dalla mala gestione del bando di gara per l'assicurazione sui rischi clinici delle aziende sanitarie siciliane sono medici, infermieri e cittadini. Lo afferma Diego Piazza, Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani, in merito a quanto dichiarato dal presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta sulla vicenda dell'affidamento dell'incarico per la copertura assicurativa delle aziende sanitarie siciliane.
 
"I chirurghi siciliani continuano a svolgere il proprio lavoro al limite delle loro possibilità, senza garanzie, e ora senza neppure una copertura assicurativa. Non siamo più disposti a tollerare questa situazione che sembra non avere sbocchi certi. La proposta del presidente della Regione di utilizzare un fondo per ricorrere all'autoassicurazione - spiega Piazza - è impraticabile, e Crocetta lo sa, perché qualora il fondo di garanzia dovesse esaurirsi ne risponderebbe l'operatore sanitario, e inoltre la Corte dei Conti potrebbe rivalersi per provocato danno erariale a causa dell'utilizzo del fondo.

 
È da tempo che Acoi chiede di attivare una copertura assicurativa omogenea su tutto il territorio nazionale, per non creare difformità che andrebbero solo a danno del cittadino: i pazienti hanno diritto alla qualità delle cure e non possono scegliere chi li opererà solo sulla base di chi è meglio assicurato.
A pochi mesi dall’entrata in vigore dell’obbligatorietà dell’assicurazione professionale i medici siciliani si trovano nell’impossibilità di adempiere l’obbligo di legge. Se dovesse persistere questa situazione potremmo essere costretti a non entrare più in sala operatoria. È necessario che il problema assicurativo venga risolto al più presto, per il bene della sanità e dei cittadini".

22 dicembre 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy