Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 20 NOVEMBRE 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Veneto. Nuove Linee guida per i Pronto Soccorso. In arrivo steward, wi-fi e tabelloni elettronici. Zaia: "Una rivoluzione"

Le novità saranno oggetto di una specifica delibera che indicherà le iniziative da attuare. Da quel momento Ullss e Aziende Ospedaliere avranno 90 giorni di tempo per predisporre e attivare la nuova pianificazione nei propri Pronto Soccorso. Zaia: "E' una vera e propria rivoluzione"

31 GEN - Una piccola rivoluzione per la sanità veneta, con l’arrivo di alcune importanti novità presentate a Venezia dal Presidente della Regione Luca Zaia, affiancato dall’assessore alla sanità Luca Coletto e dal direttore generale della sanità Domenico Mantoan.

Steward che supporteranno i pazienti nelle sale d’attesa, fornendo loro informazioni e spiegazioni sulla propria situazione, su quella di un parente accompagnato e sull’operatività della struttura in quel momento specifico. E poi reti wi-fi aperte all’installazione di prese per la ricarica di telefonini e strumenti di comunicazione vari, disponibilità di erogatori d’acqua, presenza di grandi monitor dove poter essere aggiornati sulla propria posizione in attesa e sulla situazione complessiva, una nuova cartellonistica semplificata anche multilingue al servizio di interpretariato e mediazione culturale, gestione immediata dei casi che comportano dolore acuto e corsie preferenziali per donne in gravidanza e bambini. Interventi anche sul profilo estetico, con allestimenti più confortevoli, migliore illuminazione, climatizzazione e riscaldamento efficienti. Novità che verranno inserite in una specifica delibera con le linee guida che indicano le iniziative da attuare. Da quel momento Ullss e Aziende Ospedaliere avranno 90 giorni di tempo per predisporre e attivare la nuova pianificazione nei propri pronto soccorso.


“Può non sembrare – ha detto Zaia – ma è una nuova rivoluzione che ha la stessa valenza degli ospedali aperti di notte. E’ L’ospedale che va verso la persona e non viceversa com’è stato per tanto tempo. Tutte le lamentele che riceviamo sui pronto soccorso non riguardano le cure, nelle quali siamo maestri, ma gli aspetti relazionali e ambientali. Abbiamo fatto tesoro di queste preziose segnalazioni e lavorato per dare una risposta a tutto campo. Molte volte basta una parola di conforto, un’informazione sulla propria situazione, una spiegazione del perché si è costretti ad aspettare, ad esempio per l’arrivo improvviso di casi gravi che inevitabilmente fa slittare la presa in carico dei codici bianchi e verdi, l’informazione su un esame di cui si conosce già l’esito. Tutte cose che adesso accadono raramente o non accadono perché non si può pensare di caricare anche questo sui medici e gli infermieri”.

“Ecco il perché della figura dello steward – ha aggiunto Zaia - che mi auguro possano essere, ad esempio, giovani studenti di medicina o infermieristica, magari affiancati da persone dalle tante straordinarie associazioni di volontariato che gà operano all’interno degli ospedali. Non sono indicazioni generiche – ha tenuto a precisare Zaia – ma vere e proprie linee guida cogenti. Tra 90 giorni tutti dovranno essere partiti e questo farà parte dei criteri di valutazione dell’operato dei direttori generali”.

 

31 gennaio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy