Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 01 DICEMBRE 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Cosenza. I camici bianchi in corteo per  l'ospedale dell'Annunziata


Cgil Medici, Uil Medici, Fassid, Aaroi-Emac e Anaao Assomed, lo scorso sabato hanno sfilato per le vie della città chiedendo un rilancio e una riqualificazione della struttura ospedaliera. Lo stato di agitazione del personale dell’Annunziata si protrae da oltre 3 mesi a causa dei "reparti al collasso" e il personale "ridotto al lumicino".

14 APR - Una marcia per le vie della città, per confrontarsi con i cittadini e spiegare loro il perché di disservizi e criticità che affliggono l'ospedale dell'Annunziata, una struttura definita ormai "in agonia" con reparti al collasso e personale ridotto al lumicino. Questa la nuova forma di protesta messa in atto dai medici di Cosenza. Cgil Medici, Uil Medici, Fassid, Aaroi-Emac e Anaao Assomed, lo scorso sabato 12 Aprile hanno sfilato per la città con tanto di striscioni per ribadire "che l'ospedale è di tutti, non solo di coloro che ci lavorano o di chi occasionalmente l’amministra”, e chiedendo un rilancio e una riqualificazione della struttura ospedaliera. Lo stato di agitazione del personale sanitario dell’Annunziata si protrae ormai da oltre 3 mesi nell’esclusivo interesse di miglioramento la sanità cosentina, “a beneficio degli operatori e degli utenti", hanno infatti spiegato i medici, secondo i quali "la Sanità calabrese è stata chiamata a contribuire al risanamento economico con aumento delle tasse e con tagli che hanno avviato un progressivo processo di asfissia del sistema e di riduzione dei servizi ai cittadini".


"Essere curati secondo i bisogni, indipendentemente da dove si è residenti, costituisce un limite etico, civile e sociale invalicabile che è oggi fortemente minacciato, mettendo a rischio di tracollo il sistema di welfare con la sanità nel ruolo di capro espiatorio”, hanno evidenziato ancora i camici bianchi, denunciando anche per quanto riguarda il loro lavoro "milioni di ore non pagate, ritmi e carichi di lavoro che mettono a rischio la sicurezza delle cure, una riforma delle pensioni che non considera la diversa fatica dei differenti lavori costringendo le donne della sanità, impegnate oltre i 60 anni in turni notturni e festivi e un blocco delle assunzioni che priva di futuro una generazione".

Infine, uno sguardo rivolto al futuro, con un monito: "Non sarà possibile mantenere un Sistema sanitario equo, solidale ed universalistico, se i professionisti del Servizio sanitario calabrese vengono sconfitti nei propri valori etici e deontologici e ridotti ad ingranaggi di un apparato che continua a scaricare su di loro l’insostenibile obbligo di continuare a colmare il vuoto tra le attese dei cittadini e le risorse a disposizione". 

14 aprile 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy