Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Lazio. Al Bambino Gesù primo hospice pediatrico regionale. Saranno 10 i posti letto

Il governatore ha firmato il decreto che riconosce alla nuova struttura la funzione di Centro di riferimento di cure palliative e terapia del dolore pediatrico. Previsti anche 40 domiciliari. L'ospedale pediatrico dovrà presentare piano attuativo entro 90 giorni. IL DECRETO

25 MAG - Sarà l’ospedale Bambino Gesù a realizzare nel Lazio il primo hospice pediatrico. L’intesa è stata raggiunta tra Regione Lazio e la struttura ospedaliera e ufficializzata in un decreto a firma del presidente Nicola Zingaretti. Il nuovo hospice potrà contare su 10 posti letto e 40 domiciliari.
Alla nuova struttura sarà riconosciuta la funzione di Centro di riferimento di cure palliative e terapia del dolore pediatrico e in questo ruolo sarà punto di riferimento clinico, organizzativo, di formazione e ricerca per il funzionamento e sostegno della rete regionale di terapia del dolore e cure palliative pediatriche, al fine di garantire la continuità assistenziale specialistica ai pazienti in età compresa fra 0 e 18 anni.

“La decisione di affidare la realizzazione di un hospice pediatrico ad una struttura d’eccellenza riconosciuta a livello nazionale per l’assistenza da 0 a 18 anni – spiega il Presidente Nicola Zingaretti – colma un vuoto nel sistema sanitario regionale e fornisce una risposta ai bambini alle prese con la fatica e l’ansia derivate da una patologia oncologica e alle loro famiglie nel Lazio e nel resto del Paese. La scelta di fare della nuova struttura un centro di riferimento regionale significa mettere a disposizione del nostro sistema un modello assistenziale e un patrimonio di esperienze e conoscenze che in questo modo diventa bene comune”.


Il decreto affida all’ospedale pediatrico la progettazione dell’hospice e dispone che il piano attuativo dovrà essere presentato entro 90 giorni. I costi per la costruzione, la dotazione impiantistica, strumentale ed alberghiera, così come quelli per il personale saranno a carico della struttura ospedaliera. Con un successivo provvedimento regionale sarà definito il sistema di tariffazione da adottare per la valorizzazione delle prestazioni che verranno erogate in regime residenziale. In ogni caso l’inizio delle attività della struttura resta subordinato all’espletamento delle procedure di autorizzazione e accreditamento previste dalla normativa vigente.
 

25 maggio 2014
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer IL DECRETO

Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy