Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 30 LUGLIO 2016
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Veneto. Vicenza. Bottega e Gregori (Nursind): “Bene la divisione in due Ulss del territorio vicentino” 

“Decisamente bizzarro” invece il metodo impiegato per gli incarichi dei dirigenti delle Professioni sanitarie: “Quando gli incarichi hanno un peso politico ed economico rilevanti, i poteri forti scendono in campo”. Per i segretari nazionale e provinciale “Urgono scelte equilibrate e una vera programmazione”

04 GEN - “Non è più possibile tergiversare, occorre prendere in mano seriamente la situazione della sanità, a tutti i livelli, e assumere scelte equilibrate e finalizzate a programmare l’attività valorizzando le risorse umane e tagliando laddove si incide sulla spesa superflua senza ridurre i servizi ai cittadini”.
 
È questo il messaggio che arriva dal segretario nazionale del Nursind Andrea Bottega e dal segretario provinciale Andrea Gregori che, facendo il punto dell’attività sindacale svolta nel 2015, hanno accolto positivamente le nomine dei direttori generali nel Vicentino, con l’assegnazione di due poltrone, rispettivamente alla città capoluogo e a Bassano del Grappa, mentre hanno giudicato “decisamente bizzarro” il metodo impiegato per gli incarichi dei dirigenti delle Professioni sanitarie.
 
Le nomine dei Direttori generali. “Riteniamo positiva la divisione in due Ulss del territorio vicentino – hanno dichiarato Bottega e Gregori – se non altro per le dimensioni e la specificità dell’area pedemontana. Sono interessanti da osservare alcuni movimenti dell’area trevigiana sempre più invadente sul Bassanese. Le recenti nomine dirigenziali, e non ultima quella del Direttore generale di Bassano, hanno tutte un denominatore comune che fa riferimento a Treviso. Alcuni direttori di unità operativa complessa sono migrati nel capoluogo berico, e il rischio concreto è che i prossimi sostituti vengano individuati proprio nella Marca. A questo punto sembra più una colonizzazione che un vero riconoscimento di specificità e autonomia per quest’area”.

 
Il concorso per dirigenti delle Professioni sanitarie. “Sorprendono – hanno poi aggiunto Bottega e Gregori – le modalità che hanno caratterizzato il concorso per dirigenti delle Professioni sanitarie, svoltosi a fine anno all’Ulss 16 di Padova, in cui, tra gli altri, dovevano essere individuati i dirigenti di riferimento per l’Ulss 6 di Vicenza e per l’Ulss 3 di Bassano del Grappa. Tutti i partecipanti delle Ulss vicentine avevano i titoli per concorrere, ma sono stati ritenuti inidonei dalla commissione esaminatrice. La maggior parte degli idonei provengono dalle province di Padova e Verona e ciò avvalora la tesi della colonizzazione dell’area berica da parte dei due poli universitari. La chiave di lettura è evidente: quando gli incarichi hanno un peso politico ed economico rilevanti, i poteri forti scendono in campo. Se da un lato sorge qualche dubbio sul metodo impiegato nel concorso – proseguono – il Nursind non nutre certo pregiudizi, dall’altro, sulle persone incaricate, che verranno valutate per il lavoro effettivamente svolto”.
 
I momenti salienti del 2015. Entrando nell’ambito del mondo del lavoro, per il Nursind, da segnalare la svolta epocale sul fronte dell’orario di lavoro. “Il venir meno delle deroghe al decreto 66/2003 ha reso evidente agli occhi di tutti ciò che il Nursind va sostenendo da anni – spiegano i segretari– ossia la carenza di personale infermieristico, tanto che per correre ai ripari per l’applicazione della norma dal 25 novembre 2015, il Governo ha dovuto disporre un emendamento alla legge di stabilità per autorizzare l’assunzione urgente di medici ed infermieri. Ciò che stride rispetto alle politiche sanitarie regionali del Veneto è che la delibera 610/2014 vorrebbe mettere ordine con la sua completa applicazione definendo degli standard di personale compatibili con gli orari di lavoro, ma non con la qualità dei servizi resi”.
In questo contesto si inserisce anche il problema delle auto-assicurazioni delle aziende, che determina il venire meno della copertura assicurativa per medici ed infermieri. “Il paradosso è che con la delibera 610 si riducono le dotazioni organiche aumentando così le condizioni organizzative che espongono gli esercenti le professioni sanitarie a maggiori rischi che devono essere coperti da assicurazione – hanno sottolineato – salvo poi il venir meno della copertura stessa, che è lasciata alla discrezionalità dei singoli lavoratori, costretti a fare i conti con lo sconosciuto mondo assicurativo”.
 
I nodi irrisolti. Rispetto all’unificazione delle varie Ulss, restano sul tappeto degli aspetti irrisolti sul versante organizzativo, la gestione operativa, le modalità di integrazione dei contratti decentrati aziendali, la gestione ed equa distribuzione delle risorse umane nei vari servizi. Tutte attività che richiedono grande equilibrio e programmazione e di certo non possono essere lasciate all’improvvisazione, pena il collasso del sistema.
 
Attività sindacale. Il Nursind si è ripresentato alle elezioni Rsu per la sesta volta a livello nazionale e nel comparto sanità è risultato il sindacato con la maggior crescita percentuale (+17%), confermando lo spostamento del consenso dei lavoratori dal sindacato confederale al sindacato autonomo. In provincia di Vicenza il Sindacato delle professioni infermieristiche si è confermato il più votato per gli esercenti le professioni sanitarie (25% sul territorio provinciale, 1500 gli iscritti totali vicentini). Il 2015 è stato anche l’anno di rinnovo delle cariche, sia nazionale che provinciale, con la conferma plebiscitaria del vicentino Andrea Bottega alla Segretaria nazionale, in occasione del Congresso nazionale svoltosi a novembre 2015 a Lecce, con ben 240 voti su 251 delegati. Analogamente è stato confermato alla Segreteria provinciale di Vicenza Andrea Gregori.

04 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy