Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 01 OTTOBRE 2016
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Pozzuoli. Su e giù tra ospedali perché la Tac guasta. Muore 41enne. Aperta un’inchiesta

Il ministro Lorenzin ha inviato i Nas ad indagare. Anche la Asl Napoli 2 Nord ha disposto un'inchiesta interna, ma precisa che il paziente era critico e il trasferimento non ha inciso sul decesso.

07 GEN - Arriva dal pronto soccorso dell'ospedale di Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli con forti dolori alla testa e vomito e da lì inviato all'ospedale di Giugliano (distante 27 km) per essere sottoposto a una Tac (quella in dotazione al Santa Maria delle Grazie è guasta). Dalla Tac emerge una grave sindrome clinica caratterizzata da numerosi trombi. L’uomo viene quindi ricaricato sull’ambulanza per essere riportato all'ospedale di Pozzuoli. È questa l’odissea vissuta nei giorni scorsi da un uomo, poi deceduto.

Sul caso, riferisce l’Ansa, è stato aperto un fascicolo in Procura, un'inchiesta interna da parte dell'Asl e anche il ministro della Salute, Beatriche Lorenzin, ha disposto l'invio dei Nas per far chiarezza sulla vicenda. Quel che finora è nota, secondo quanto riferito dall’Ansa, è che l’uomo si è recato al pronto soccorso dell'ospedale di Pozzuoli la sera del 31 dicembre con febbre alta, diarrea e vomito. Sintomi di un'influenza di stagione, è il primo responso, e l’uomo viene dimesso. Due giorni dopo l’uomo perde i sensi e viene ricoverato con forti dolori alla testa e vomito. Intubato, si decide di sottoporlo a una tac, ma l'unica in dotazione al Santa Maria delle Grazie è guasta e così il paziente viene trasferito all'ospedale di Giugliano che dista 27 chilometri e non ha un reparto di Neurochirurgia.


Dalla Tac emerge una grave sindrome clinica caratterizzata da numerosi trombi. A quel punto il paziente riparte in ambulanza per far ritorno all'ospedale di Pozzuoli.

Per i familiari quel trasferimento ha aggravato le condizioni dell'uomo ma la Asl Napoli 2 Nord, secondo quanto riferito dall’Ansa, sostiene che il paziente già al suo arrivo al pronto soccorso il 2 gennaio si presentava in una condizione estremamente critica e il trasferimento non ha inciso sull'aggravarsi delle condizioni.

07 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy