Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 01 LUGLIO 2016
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Basilicata. Per Forza Italia è “necessaria una profonda riorganizzazione servizi sanitari”

Presentata una mozione che impegna la Giunta regionale a mette in campo azioni in grado di "recuperare e migliorare la qualità" delle prestazioni nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica. Per contenere la spesa farmaceutica ospedaliera il gruppo consiliare propone l'istituzione della figura del farmacista di dipartimento.

21 GEN - “La sanità lucana non gode buona salute e a misurare lo stato della malattia sono, nello specifico, il Programma Nazionale Esiti 2015 sviluppato da Agenas per conto del Ministero della Salute, la graduatoria regionale nell’erogazione dei Lea (Livelli Essenziali di Assistenza), l’incremento dell’indice di mobilità passiva a cui fa seguito l’analisi della Corte dei Conti (maggio 2015)”. A denunciarlo è stato ieri il capogruppo consiliare di Forza Italia, Michele Napoli, che in una conferenza stampa convocata con il collega Paolo Castelluccio ha illustrato una mozione che impegna la Giunta regionale “a procedere ad una profonda riorganizzazione dell’offerta dei servizi sanitari e sociosanitari che, sulla scorta delle prescrizioni contenute nel decreto ministeriale n. 70 del 2 aprile 2015 e nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica, sia in grado di recuperare e migliorare la qualità e l’approvazione dei livelli di assistenza sanitaria, conformemente ai bisogni di salute della popolazione lucana e agli standard di qualità, efficienza e sicurezza delle cure stabili dai regolamenti ministeriali in tema di prestazioni rese dalle strutture sanitarie”.


Nel corso della conferenza stampa, riferisce una nota, Napoli ha sottolineato che “secondo l’indagine realizzata qualche giorno fa dall’Istituto Demoskopika sulle performance sanitarie dei diversi sistemi sanitari regionali italiani, la Basilicata si colloca nella parte bassa della relativa classifica e viene annoverata tra le ‘regioni malate’, facendo registrare, in particolare, la peggiore performance fra tutte le Regioni per quanto concerne l’indice di migrazione sanitaria con un valore di 21mila ricoveri fuori regionale nel 2014”.  Il capogruppo di Fi ha, quindi, diffuso il report Agenas relativo al saldo della mobilità sanitaria (la differenza tra quanto spende la nostra regione per i lucani che si ricoverano in strutture sanitarie extraregionali e quanto riceve dalle altre Regioni per i non residenti in Basilicata che usufruiscono di prestazioni sanitarie nella nostra regione): nel 2013 ammontava a 19 milioni 111mila euro e nel 2014 è schizzata a 38 milioni 797mila euro.

“Sono sufficienti questi numeri ufficiali – ha detto Napoli – per smentire la tesi della sanità lucana d’eccellenza e se non si è in grado di leggerli correttamente e di interpretarli è meglio cambiare mestiere lasciando il posto a quanti sono in grado di gestire i processi della sanità con determinazione, trasparenza, accortezza e, soprattutto, senza retaggi culturali. Nella graduatoria delle regioni in base ai Lea (che prendono in considerano 32 settori di sanità ospedaliera e non) la Basilicata è passata dal settimo posto (2011) all’ottavo (2012) precipitando al dodicesimo (2013, con uno score di 146 punti, ben 21 punti in meno rispetto all’anno precedente) e, quindi, facendo peggio solo di Regioni sottoposte a piano rientro quali Campania e Puglia. Inoltre, tra gli elementi maggiormente negativi segnalati dal Programma Nazionale Esiti figurano: i parti cesari primari, la frattura al collo del femore entro 48 ore, la mortalità a 30 giorni dopo bypass aortocoronarico, intervento per infarto miocardico entro due giorni, i tempi di intervento per valvoplastica e sostituzione valvola cardiaca”.

“Si tratta – ha spiegato Napoli – di prestazioni specialistiche e non certamente di piccole ferire da curare, pertanto di prestazioni di alta specializzazione che misurano il livello di efficienza, efficacia ed appropriatezza dell’assistenza sanitaria ospedaliera in regione. La Basilicata, inoltre,  è ultima tra le Regioni italiane per intervallo allarme-target dei mezzi di soccorso: prima di raggiungere l’ospedale l’intervento di emergenza-urgenza da noi impiega 32 minuti (2013) dato più alto in assoluto in Italia (erano 27 i muniti nel 2012 e 29 i minuti nel 2011). Il gruppo di Forza Italia è del parere che la direttiva europea sugli orari di lavoro del personale sanitario sia l’occasione per procedere a bandi di concorsi ed assumere nuovo personale”.

Castelluccio ha fatto rilevare che anche se le strutture del Materano registrano analoghi problemi a quelle del resto della regione, “c’è una specificità riferita, innanzitutto a Matera  che segnala presenze significative di turisti e pertanto un’accresciuta domanda di servizi e al Metapontino. E’ indispensabile – ha proposto Castelluccio - istituire al Dipartimento Salute un tavolo specifico per Matera e Policoro che affronti insieme all’Asm, al personale sanitario, ai Comuni i problemi del potenziamento di apparecchiature e personale per gli ospedali Madonna delle Grazie e il P.O. Giovanni Paolo II. Continuiamo a sollecitare la Giunta ad individuare con chiarezza ruoli, compiti e funzioni dei presidi del SSR di Tinchi-Pisticci, Tricarico e Grassano, senza sottovalutazioni rispetto alle difficoltà che segnalano le comunità della Collina Materana”.      

Affrontato anche il problema del “nuovo boom della spesa farmaceutica ospedaliera” che, ha affermato Napoli, “in Basilicata non è una novità e non ci coglie impreparati”. In base ai dati presentati dal consigliere, la spesa farmaceutica ospedaliera tra gennaio ed agosto dello scorso anno ha superato il tetto di spesa prevista dalla legge di ben 2 punti percentuali, corrispondenti in termini assoluti a qualcosa come 13 milioni e mezzo di euro. “Di qui la necessità – ha proseguito Napoli – di porre in essere interventi correttivi tali da arginare un fenomeno altrimenti destinato a peggiorare per effetto di una popolazione che invecchia sempre più ed è affetta da malattie croniche”.

“Occorrono - ha aggiunto l’esponente di Fi - misure contenitive di tale incremento in assoluta discontinuità con le non scelte operate a tutt’oggi dal Governo regionale. Come dimenticare – ha precisato Napoli – il fatto che quest’ultimo ha messo le mani nelle tasche dei lucani, ha incrementato i ticket e le compartecipazioni a carico dei cittadini sul prezzo dei farmaci che, sempre secondo l’AIFA, tra i primi otto mesi del 2015 e l’analogo periodo di tempo dell’anno 2014 sono aumentate del 4 per cento?”.

“Forza Italia” - ha concluso Napoli - ha proposto in Consiglio regionale l’istituzione della figura del farmacista di dipartimento per coadiuvare l’equipe medica nelle scelte farmacologiche e contribuire a tenere in ordine l’armadietto dei medicinali, garantendo un più attento controllo dell’utilizzo dei farmaci ospedalieri”.

21 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy