Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 05 DICEMBRE 2016
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Lazio. Ticket per le prestazioni di Salute mentale per i minorenni. Il Cobas contro la Regione

La Confederazione dell’area Asl Rm/3 accusa la Regione di "superficialità e pressapochismo" in una attività "particolarmente delicata". Le due note emanate tra dicembre e gennaio conterrebbero inoltre “incongruenze e contraddizioni" che che generano "confusione ed incertezza tra gli operatori". Chiesta la sospensione dei provvedimenti

27 GEN - No, da parte del Cobas Asl Roma/3, al pagamento dei ticket per le prestazioni diagnostiche e terapeutiche presso il servizio di Tutela della Salute Mentale e la Riabilitazione dell'Età Evolutiva (TSMREE). Per i delegati Cesare Morra, Paolo Paolacci e Claudia Piermaria, infatti, “aver disposto il pagamento, attraverso il ticket delle prestazioni suddette, non può che rappresentare un ulteriore disagio e difficoltà per tutti quei minori e le loro famiglie già costrette, non solo ad affrontare lunghe liste di attesa per le attività di cura e riabilitazione, ma scontrarsi con complessità di ordine sociale, umano ed economico con il rischio di andare ad alimentare e ad approfondire quel fenomeno di rinuncia e/o abbandono della cura e/o costringere gli stessi utenti a ricorrere alle strutture specialistiche private per poter assicurare i necessari interventi di prevenzione, di recupero e di riabilitazione delle varie patologie”.

Ma non solo. Per i delegati, le note del 28.12.2015, Prot. n° 98657 e del 18.01.2016, Prot. n°3300, emanate, dal Direttore U.O.C.I. TSMREE Enrico Nonnis, contengono “incongruenze e contraddizioni che non possono non aver generato confusione ed incertezza tra le operatrici e gli operatori chiamati ad osservarle”.


Nel dettaglio, spiega il Cobas, “nella prima nota si disponeva ‘l’applicazione del nomenclatore tariffario regionale’ per tutte le prestazioni diagnostiche e terapeutiche, dalle visite specialistiche e riabilitative, alle psicoterapie, alle valutazioni neuro riabilitative e neurolinguistiche, ecc., mentre, a distanza di un solo mese, con la nota del 18.01.2016, Prot. n°3300, veniva modificata sostanzialmente la disposizione precedente limitando il pagamento del ticket alle sole attività e prestazioni specialistiche Neuro-psichiatriche Infantili e Psicologiche”.

L’Os rileva, inoltre, come “la disposizione emanata con ‘effetto immediato’ non abbia visto, peraltro, la realizzazione, presso il CUP, di una ‘Agenda per il TSMREE’ rendendo impossibile persino l’applicazione delle suddette disposizioni”. E ancora, sembrerebbe che il codice indicato nella nota del 18.01. c.a., corrisponderebbe non al TSMREE di v. Via Vaiano, ma al “DSM Psichiatria di Corviale”, a dimostrazione dello “stato di incertezza e confusione determinato dalle sopra indicate disposizioni”.

Tutto questo senza considerare che i provvedimenti “sarebbero in aperto e pieno contrasto con quanto stabilito dal DCA n°U00090 del 10 novembre 2010 che definisce il TSMREE ‘una struttura territoriale aperta ad accesso diretto che esercita funzioni di prevenzione, tutela, diagnosi, cura e riabilitazione….’"

Per il Cobas, in conclusione, le due note “esprimono la superficialità e il pressapochismo con le quali vengono emanate diposizioni che investono Servizi che contemplano attività particolarmente  delicate, senza che queste siano state sufficientemente valutate e verificate sia nella loro attendibilità, sia sulle conseguenze che, queste, possono avere sulle attività e, soprattutto, sui i cittadini/utenti”. Per questo se ne chiede la sospensione, “in attesa di valutare l’opportunità di tali provvedimenti”.

27 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy