Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 11 DICEMBRE 2017
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Pa Trento. Punti nascita; Cgil, Cisl e Uil: “Deroga non è la soluzione per garantire sicurezza”

I sindacati non condividono la richiesta avanzata dal presidente Rossi e dall’assessore Zeni al ministero della Salute. Per Cgil, Cisl e Uil la priorità, per i punti nascita ma non solo, è “concentrare le specializzazioni in presidi di eccellenza, da una parte, ed estendere i servizi di prossimità dall’altra”.

03 FEB - "Le deroghe sui punti nascita sotto i 500 parti l"anno non sono la soluzione per garantire un’assistenza di qualità e alti livelli di sicurezza a mamma e bambino". Lo affermano, in una nota, Cgil Cisl Uil del Trentino, commentando la richiesta avanzata al ministero della Salute dal presidente Ugo Rossi e dall’assessore Luca Zeni.

Per i sindacati, infatti, "la priorità vera per la sanità trentina, anche per il percorso nascita, sia quella di concentrare le specializzazioni in presidi di eccellenza, da una parte, ed estendere i servizi di prossimità dall’altra".

"L’organizzazione della sanità trentina - prosegue la nota dei sindacati - deve essere in grado di garantire a tutte le donne della nostra comunità, su tutto il territorio, un’assistenza di qualità e massima sicurezza per l’intero percorso della gravidanza. Per noi è indispensabile che le risorse vengano investite nel potenziamento di strutture quali consultori e ambulatori con ostetriche e ginecologici, che si prendano cura della donna e del nascituro per i nove mesi prima della nascita, ma anche nel post nascita. È solo garantendo cure e assistenza qualificata che si evita lo spopolamento delle nostre periferie".

03 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy