Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 SETTEMBRE 2016
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Veneto. Muore a poche ore dalla nascita, aperta inchiesta. L’Ulss si difende: “Da prima analisi percorso corretto e tempestivo”

La bimba era nata all'ospedale di Bassano del Grappa (Vicenza). Dopo il parto, le sua condizioni si sono velocemente aggravate ed è stato disposto il trasferimento urgente alla terapia intensiva neonatale del San Bortolo Vicenza, ma non c’è stato nulla da fare.

21 MAR - Sarà l'autopsia a dover dare delle risposte sulla causa delle morte di una neonata, venuta alla luce giovedì all'ospedale di Bassano del Grappa (Vicenza) e deceduta qualche ora più tardi, dopo essere entrata in coma. I genitori e gli stessi sanitari dell'ospedale vicentino hanno chiesto l'effettuazione dell'esame autoptico e la Procura di Vicenza ha aperto un'inchiesta chiedendo l'acquisizione delle cartelle cliniche del reparto di ostetricia dell'ospedale bassanese.

Dai primi riscontri dei tecnici, spiega una nota dell'Ulss 3 di Bassano, la cui direzione ha messo a disposizione una propria psicologa a supporto della mamma, “emerge come il percorso clinico-assistenziale nell'ambito dell'ostetricia appare, da una prima analisi, corretto e tempestivo, tenuto conto dei protocolli previsti per casi di questo tipo".

La signora, spiega la nota, è entrata in ostetricia alle 7.30. Sono stati effettuati tutti gli esami previsti ed il monitoraggio è stato costante. Alle ore 9.02 il medico ha visitato la paziente e ha deciso per un parto cesareo in emergenza in quanto si riscontrava un sospetto di distacco intempestivo della placenta. Alle 9.10 inizia il cesareo ed alle 9.13 è nata la bimba che, vista la situazione clinica, relativa ad un'insufficienza respiratoria, è stata subito intubata".


“La neonata - continua la nota - è stata presa in carico dalla pediatria e monitorata costantemente: attorno alle 13, considerato il peggioramento delle condizioni cliniche, è stato deciso il trasporto alla terapia intensiva neonatale del San Bortolo di Vicenza, in base a quanto previsto dal protocollo regionale". Ma per la bimba non c’è stato nulla da fare.

21 marzo 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy