Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 22 OTTOBRE 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Rete Ospedaliera in Sicilia. Scarpuzza (Aaroi-Emac): “Bene apertura Crocetta, ora il confronto”


Il Presidente dell'Aaroi-Emac Sicilia si dichiara lieto che sia stato compreso il rischio a cui si sarebbe andati incontro con l'ipotesi di riorganizzazione della Rete di Emergenza-Urgenza che, a detta del Presidente, avrebbe messo a rischio 72 posti di rianimazione. L'Aaroi-Emac siciliano accoglie con favore anche l'ipotesi di un confronto diretto

14 SET - "L’Aaroi-Emac Sicilia esprime soddisfazione per le dichiarazioni diffuse dal Presidente della Regione, Rosario Crocetta, che ha evidentemente accolto l’allarme diffuso con forza dalla nostra Associazione rispetto ad un’ipotesi di riorganizzazione della Rete di Emergenza-Urgenza che avrebbe significato lo smantellamento di un servizio essenziale volto a salvare la vita dei cittadini”. Lo afferma Emanuele Scarpuzza, Presidente Aaroi-Emac Sicilia, a commento delle dichiarazioni del Governatore siciliano sul Piano di riordino della Rete Ospedaliera regionale.

"Siamo lieti che sia stato compreso il rischio a cui si sarebbe andati incontro e accogliamo con favore la disponibilità al confronto - afferma Scarpuzza -. Chiediamo l’apertura immediata di un Tavolo tecnico che possa tracciare la strada per una riorganizzazione della rete ospedaliera siciliana adeguata alle esigenze del territorio e alle necessità di salute dei cittadini".

"Da parte nostra - prosegue il Presidente Aaroi-Emac Sicilia -, per quel che riguarda l’ambito di competenza degli Anestesisti Rianimatori, il quadro è fin troppo chiaro: in Sicilia i posti letto di Rianimazione non sono sufficienti ed esiste una carenza accertata di Anestesisti Rianimatori. Se non si affrontano questi due problemi sarà difficile arrivare a concepire una Rete dell’Emergenza-Urgenza sicura. Questo non vuol dire che non si possa lavorare per individuare una strada per rendere il sistema maggiormente efficace. Il punto di partenza non deve però essere quello dei tagli, bensì quello della implementazione e riorganizzazione delle risorse".


"Ci auguriamo - conclude Scarpuzza -, a questo punto, di essere convocati quanto prima per esprimere il nostro parere e confrontarci su un progetto che sia costruttivo e non distruttivo come quello circolato nei giorni scorsi".

14 settembre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy