Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 27 MAGGIO 2017
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Lombardia. Corti (Fimmg) lancia l'allarme: “Troppi MMG andranno in pensione, centinaia di migliaia di cittadini potrebbero rimanere senza medico di famiglia”

La Fimmg Lombardia lancia l'allarme su quella che in gergo viene definita la "gobba pensionistica", ovvero l'aumento esponenziale dei pensionamenti, per i medici di famiglia. Supponendo che i medici di famiglia vadano tutti in pensione a 70 anni, nel 2021 si arriverà a quasi 400 professionisti pensionati, mentre i posti per i neo diplomati sono solo 90

11 GEN - Anche in Lombardia per i medici di famiglia è in arrivo quella che in gergo viene chiamata la "gobba pensionistica", ovvero l’aumento esponenziale dei pensionamenti.

"Se non si prenderanno subito provvedimenti nel giro di due o tre anni centinaia di migliaia di cittadini lombardi potrebbero rimanere senza medico di famiglia - dichiara il segretario regionale di Fimmg  Lombardia, Fiorenzo Corti -. Supponendo che i medici di famiglia vadano tutti in pensione a 70 anni, nel 2021 si arriverà a quasi 400 professionisti pensionati. Ma in realtà la situazione è ancora più  drammatica perché la maggior parte della categoria sembra preferisca andare in pensione a 68 anni. La graduatoria regionale si sta ormai esaurendo e le posizioni vacanti possono essere affidate ai medici neo diplomati dal Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale (CFSMG)".

"E’ qui la grande criticità - continua Corti - i posti in Regione Lombardia per il CFSMG sono solo 90 all’anno e i seminari sono svolti in sei poli formativi (Milano, Brescia, Bergamo, Monza, Pavia e Busto Arsizio). I numeri parlano chiaro: già dall’anno prossimo, nell’ipotesi di pensionamento a 70 anni, e fino al 2019 mancheranno all’appello almeno 200 medici, che significa 300.000 cittadini senza medico di famiglia. Per questo abbiamo lanciato un appello all’assessore Gallera: già da quest’anno i posti per il Corso vanno almeno raddoppiati e urgono misure per eliminare gli orpelli burocratici che ritardano di un anno l’ingresso nella professione dei giovani medici in possesso del titolo".


"E anche questo forse non basterà - conclude Corti - molto probabilmente si dovrà scegliere di aumentare il numero di pazienti per ogni medico, con il conseguente incremento del  carico di lavoro quotidiano ormai al limite della sopportabilità.  Ma se all’aumento del numero dei pazienti non corrisponderà un investimento regionale per  un forte programma di assunzione di  collaboratori di studio e di infermieri da parte dei medici di famiglia, tutte le proposte di riforma e innovazione (gestione della cronicità, telemedicina, assistenza domiciliare per pazienti fragili, iniziative di prevenzione, campagne vaccinali,ecc.) saranno destinate a un sicuro fallimento".
 


11 gennaio 2017
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Tabella

Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy