Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 28 GIUGNO 2017
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Taranto. Asl licenzia dipendenti che erano ricorsi alla giustizia per abuso di contratti a tempo determinato. Sindacati insorgono 

Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl definiscono l’atteggiamento della Asl “aggressivo e ritorsivo” e scrivono al Dg per chiedere un incontro “urgentissimo entro e non oltre il 7 giugno” o scatterà lo stato di agitazione: “Utilizzeremo tutti gli strumenti in proprio possesso, politici, sindacali e legali, per dare una ferma e risoluta risposta al provocatorio e prevaricatorio contegno adottato dall’amministrazione sanitaria”.

05 GIU - “Aggressivo e ritorsivo”. Bollato così da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, il comportamento della Direzione Generale dell’Asl di Taranto che in questi giorni starebbe facendo recapitare missive nella quali provvede alla risoluzione anticipata del rapporto di lavoro di alcuni dipendenti, perlopiù infermieri, che “hanno avuto l’ardire di adire alle vie giudiziarie per il riconoscimento dell’utilizzo abusivo dello strumento del contratto a tempo determinato con l’aggravante di essersi visti riconoscere, dai giudici del lavoro, una sentenza di condanna nei confronti del loro datore di lavoro, ovvero l’Asl di Taranto”, spiegano i sindacati. Dipendenti che potrebbero restare a casa già dal prossimo 1° luglio.

Per le organizzazioni sindacali “questa volta la Asl Taranto ha davvero superato il segno. La stessa, difatti, ha fatto ricorso negli anni, in modo indiscriminato, allo strumento del contratto a termine, rendendo precari centinaia di lavoratori. Una prassi che è in aperta violazione della legislazione interna e comunitaria”. I rappresentanti di categoria della Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl giudicano “gravissimo quanto accaduto” e si dicono “pronte ad utilizzeranno tutti gli strumenti in proprio possesso, politici, sindacali e legali, al fine di dare una ferma e risoluta risposta al provocatorio e prevaricatorio contegno adottato dal management dell’Asl ionica”.


I sindacati hanno quindi inviato una nota unitaria di protesta alla Direzione generale dell’Asl di Taranto, Stefano Rossi, chiedendo “un incontro urgentissimo entro e non oltre il 7/6/2017, in assenza del quale si avvierà lo stato di agitazione portando la vertenza fino ai livelli istituzionali più alti”.

05 giugno 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy