Quotidiano on line
di informazione sanitaria
12 LUGLIO 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Sanità privata. Aiop Lazio e Aris siglano accordo con Cgil, Cisl e Uil


Prevista la possibilità di avere contratti diversi da quello subordinato “per venire incontro alle esigenze di flessibilità a cui le tutte strutture si devono adeguare per rimanere al passo con le continue modifiche richieste dalla controparte Regionale”. Un’intesa, evidenzia l’Aiop, che arriva “dopo un periodo di circa dieci anni in cui le case di cura accreditate, a causa del piano di rientro, hanno subìto numerosi tagli”.

22 GIU - Intesa siglata tra le organizzazioni degli imprenditori della sanità privata accreditata del Lazio, Aiop Lazio e Aris Lazio e Cgil, Cisl e Uil.
 
“L’accordo raggiunto, sforzo e atto di grande responsabilità sociale da parte dell'imprenditore in un momento di crisi, arriva dopo una trattativa durata circa 6 mesi e dopo un periodo, durato circa dieci anni, in cui le case di cura accreditate, a causa del piano di rientro, hanno subìto numerosi tagli; nonostante tutto hanno cercato di resistere e garantire lavoro”, osserva Jessica Veronica Faroni, presidente Aiop Lazio, spiegando che “l’accordo riconosce la possibilità di avere una percentuale di lavoratori con contratti diversi da quello subordinato per venire incontro alle esigenze di flessibilità a cui le tutte strutture si devono adeguare per rimanere al passo con le continue modifiche richieste dalla controparte Regionale”.

“Il settore del privato accreditato – ha proseguito Faroni - ha vissuto anni impegnativi e difficili durante i quali è proseguito il trend dei tagli e della diminuzione delle risorse, nonostante ciò il nostro settore, ha confermato di sapersi adattare per continuare ad erogare prestazioni di qualità. I dati confermano che la sinergia tra pubblico e privato è ancora vincente e che il privato accreditato è un valore aggiunto parte integrante e non solo complementare del nostro sistema sanitario”.


Per Michele Bellomo, presidente Aris Lazio, “l'accordo è un grande risultato, sia per i dipendenti sia per le strutture stesse che in questo modo non si troveranno più nel caos normativo dei contratti di lavoro; inoltre la flessibilità prevista comunque garantirà la massima occupazione e modularità di gestione per le strutture. Attendiamo fiduciosi la ratifica da parte della Regione. Voglio ancora ringraziare tutte le parti che è hanno contribuito alla firma dell'accordo”.

22 giugno 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy