Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 LUGLIO 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Vaccinazioni. D'Ubaldo (Federsanità): “Difficoltà e tensioni non ricadano sulle Asl”

Nella fase di attuazione della legge sull’obbligo vaccinale, nonostante le Asl siano state sottratte al controllo dei Comuni, gli amministratori comunali non sono mai venuti meno ai loro doveri di pubblici ufficiali. E il ministro Fedeli ha riconosciuto l’impegno dell’Anci. Ma è fondamentale che non si ricorra alla pratica dello scaricabarile sugli apparati amministrativi e burocratici delle aziende

05 SET - La vicenda delle vaccinazioni obbligatorie incrocia una pagina poco esaltante della nostra esperienza repubblicana. Non siamo di fronte a un conflitto normale, potremmo dire fisiologico, tra Stato e Regioni. Si è scelto un terreno scabroso, ricco d’insidie, dunque pericoloso.
La tutela della salute, cardine non trascurabile dell’ordinamento costituzionale e quindi dello Stato sociale, non può essere erosa o minata per effetto di contrasti sull’applicazione di una legge del Parlamento.
 
È comprensibile che la volontà di rendere obbligatori un numero consistenti di vaccini abbia registrato pareri discordi, con forme di opposizione trasversali. Ciò non toglie che una norma vada rispettata in attesa che si pronunci la Corte Costituzionale, visto il ricorso pendente della Regione Veneto.
 
Le famiglie hanno bisogno di essere rassicurate. Dai Comuni, in questo frangente, è venuto un contributo positivo all’insegna del principio - mai disconosciuto, neppure dai fan del federalismo - di leale collaborazione tra diversi livelli di responsabilità politico-istituzionale. Lo ha riconosciuto, nell’intervista concessa proprio stamane al “Il Messaggero”, Il Ministro della Pubblica Istruzione, Valeria Fedeli.

 
Le sue parole sono state chiare, suonando come un apprezzamento per l’impegno dell’Anci. Sebbene le Asl siano state sottratte al controllo dei Comuni, gli amministratori comunali non vengono meno ai loro doveri di pubblici ufficiali. Del resto la salute pubblica chiama in causa, secondo le norme vigenti, il ruolo del sindaco come autorità sanitaria locale.
 
In un recente convegno di Federsanità Anci, Arturo Iannaccone, oggi assessore di Avellino e fino a ieri parlamentare della Repubblica, ha criticato l’esproprio di competenze degli enti locali in materia di sanità, determinato appunto dal passaggio alle Regioni delle vecchie Usl, una volta definite “enti strumentali” dei Comuni (L. 833/78).
 
È un argomento serio, meritevole di attenzione e approfondimento. Nel frattempo, a mo’ di consiglio, sarebbe preferibile che le difficoltà e le tensioni provocate dalla normativa sulle vaccinazioni non ricadano sugli apparati amministrativi e burocratici delle aziende sanitarie. È un esercizio abituale, quello di ricorrere alla pratica dello scaricabarile, ma non fa onore a chi ne sfrutta le momentanee convenienze.
 
Anche lo scaricabarile ricade sotto il segno della demagogia.
 
Lucio Alessio D’Ubaldo
Segretario Generale di Federsanità Anci


05 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy