Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 15 LUGLIO 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Toscana. Scaramuccia: “Sbloccare subito l’erogazione del Fondo Sanitario”

Una seduta straordinaria del CIPE per sbloccare l’erogazione alle Regioni delle risorse del Fondo Sanitario Nazionale. L’ha chiesta ieri l’assessore al diritto alla salute della Toscana Daniela Scaramuccia, partecipando, a Roma, alla seduta della Commissione Salute sulla definizione delle risorse del Fondo Sanitario.

22 SET - “In sede di Commissione salute – riferisce l’assessore Scaramuccia – si è preso atto della grave situazione di cassa delle aziende sanitarie, a causa della mancata distribuzione delle risorse del Fondo Sanitario Nazionale”. Infatti, mentre sono stati definiti i criteri del riparto, non sono ancora stati distribuiti i fondi 2010 e 2011. Alle aziende sanitarie toscane spettano complessivamente oltre 350 milioni di euro; alla Regione Toscana, da parte del Ministero, oltre 430 milioni.
“Oggi, anche su sollecitazione della Regione Toscana – informa l’assessore – si è convenuto di chiedere ai presidenti che domani parteciperanno alla Conferenza Stato-Regioni una seduta straordinaria del CIPE, per sbloccare l’erogazione dei fondi e farli finalmente arrivare alle Regioni”.

22 settembre 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy