Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 AGOSTO 2022
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Parto gemellare alla 35° settimana senza cesareo. E uno dei neonati era podalico. È successo al De Lellis di Rieti


Si tratta di un evento piuttosto raro ed eccezionale se si considera che il parto nelle gravidanze gemellari o nei casi in cui il feto è podalico avviene generalmente tramite taglio cesareo. “In un periodo in cui si discute molto sull’elevato numero di parti cesarei, merita di essere sottolineato l’impegno e la preparazione del personale, che ha consentito una nascita naturale anche in condizioni non semplici”, evidenzia Felice Patacchiola, direttore del reparto di Ostetricia e Ginecologia.

31 OTT - Parto gemellare spontaneo alla 35° settimana, con uno dei feti in posizione ‘podalica’, senza ricorrere al taglio cesareo. E’ accaduto nei giorni scorsi all’Ospedale de’ Lellis di Rieti, grazie alle cure dei sanitari della Unità Operativa Complessa di Ostetricia e Ginecologia e di Neonatologia.

Si tratta di un evento piuttosto raro ed eccezionale se si considera che il parto nelle gravidanze gemellari o nei casi in cui il feto è podalico avviene generalmente tramite taglio cesareo.
 
Le gemelline, prontamente assistite dall’equipe Neonatologica, stanno bene e pesano entrambe attorno ai 2 chilogrammi; in ottime condizioni la mamma.

“In un periodo in cui si discute molto sull’elevato numero di parti cesarei che avvengono nel nostro Paese - commenta Felice Patacchiola, direttore del reparto di Ostetricia e Ginecologia che ha assistito il parto e che ha coordinato, assieme a Mauro De Martinis direttore dell’Unità di Neonatologia - merita di essere sottolineato l’impegno e la preparazione del personale dell’equipe dell’area Materno – Infantile, che ha consentito una nascita naturale anche in condizioni non semplici da gestire”.

L’evento, evidenzia la direzione generale della Asl di Rieti in una nota, “ribadisce l’ottimo livello di assistenza perinatale dell’Ospedale reatino, che è in grado di prestare assistenza anche alle gravidanze cosiddette ‘a rischio’. Tutto ciò, grazie al quotidiano lavoro di equipe tra gli Ostetrici, i Neonatologi e gli Anestesisti che garantiscono la loro presenza nel Blocco parto 24h su 24. Nell’Area Materno – Infantile del de’ Lellis è in atto un continuo miglioramento dell’assistenza sanitaria”.

Nei giorni scorsi è stata avviata l’attività ambulatoriale di “Urologia Pediatrica”; mentre nei prossimi giorni sarà attivato un Ambulatorio per la presa in carico della Gravidanza a Termine, gestito dalle Ostetriche della Sala Parto.

31 ottobre 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy