Quotidiano on line
di informazione sanitaria
27 SETTEMBRE 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Liguria: 300 mila euro al Gaslini per assistenza a bambini stranieri


Il Programma assistenziale per l'erogazione di prestazioni sanitarie di alta specialità a favore di cittadini stranieri in età pediatrica è rivolto in particolare ai bambini provenienti da Paesi dell'area balcanica e nord africana e da Paesi vittime di guerre o disastri ambientali.

22 FEB - La Giunta regionale della Liguria ha approvato il Programma assistenziale per il triennio 2018-2020 per l'erogazione di prestazioni sanitarie di alta specialità a favore di cittadini stranieri in età pediatrica.

La delibera prevede l'accantonamento di 300 mila euro a copertura degli eventuali costi per la realizzazione del Programma.

La novità più importante, rispetto agli anni passati, è l'individuazione dell'Ospedale pediatrico Gaslini quale unica struttura ospedaliera a cui affidare gli interventi umanitari nell’ambito della cooperazione internazionale (nel piano 2015-2017, oltre al Gaslini, vi erano il San Martino, il Galliera e Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure (SV).

L’atto della Giunta  stabilisce anche priorità e criteri relativi in particolare al tipo di prestazioni da erogare: si tratta di prestazioni che non possono essere erogate nei paesi extracomunitari di provenienza dei piccoli pazienti e sono focalizzate in particolare nelle patologie importanti nell'ambito della cardiochirurgia, della chirurgia pediatrica, delle forme tumorali e dei politraumi, con la previsione di una compartecipazione al costo della prestazione nel caso di trapianto di midollo osseo.


Per quanto riguarda i paesi di provenienza, il Programma individua di preferenza gli stati dell'area balcanica e nord africana, nonché i paesi interessati, anche in passato, da interventi autorizzativi delle Nazioni Unite a cui ha partecipato l’Italia o da conflitti bellici o disastri ambientali di vaste proporzioni.

Infine, per quanto concerne le modalità di accesso alle prestazioni, la delibera prevede che dovrà avvenire tramite istituzioni, organismi operanti a livello internazionale, nazionale o locale di provata affidabilità o di strutture sanitarie pubbliche del paese terzo, d'intesa con la sede diplomatica o consolare dello stato italiano presente in loco oppure associazioni senza scopo di lucro operanti in Liguria.

22 febbraio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy