Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 SETTEMBRE 2018
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Bologna. Al Sant’Orsola due nuove Tac e un angiografo

I dispositivi dal valore di 1,3 milioni di euro sono state acquisiti grazie a un investimento sostenuto dalla Regione e da risorse proprie dell’Azienda ospedaliero-universitaria. Le nuove Tac consentono di diminuire l’esposizione radiante dal 60 all’80%, senza perdere in qualità diagnostica.

13 MAR - Due nuove TAC e un angiografo sono stati inaugurati ieri al Policlinico Sant’Orsola di Bologna. I due dispositivi saranno collocati nel Polo Imaging della Radiologia Golfieri (padiglione 2) e in Radiologia d’Urgenza, a fianco del Pronto soccorso (padiglione 5).

I dispositivi dal valore di 1,3 milioni di euro sono state acquisiti grazie a un investimento sostenuto dalla Regione e da risorse proprie dell’Azienda ospedaliero-universitaria.

Saranno affiancati anche dalla messa a punto di un nuovo sistema di refertazione “guidata”, per migliorare la comunicazione tra lo specialista ospedaliero e il medico curante.

Le due nuove TAC sono apparecchiature di ultima generazione. La prima è arrivata grazie a un noleggio di 8 anni sostenuto dall’Azienda, la seconda con un finanziamento della Regione. Per ottimizzare le prestazioni e ridurre l’esposizione, l’apparecchiatura dispone di un sistema di modulazione automatica della dose che consente, durante l’acquisizione dell’esame, di adattare l’emissione della radiazione al campo di studio e allo “spessore” del paziente. La TAC è dotata inoltre di nuove tecniche di ricostruzione dell’immagine che riducono il ‘rumore’ fino all’80%. Queste due caratteristiche consentono di diminuire l’esposizione radiante dal 60 all’80%, senza perdere in qualità diagnostica.


Al Polo Imaging del padiglione 2 è stato installato invece il nuovo sistema angiografico, acquisito grazie a un finanziamento regionale, che include pacchetti di software avanzati per la ricostruzione 3D in automatico alla fine dell’acquisizione e un sistema di sicurezza. L’arco a C dell’angiografo, fissato al soffitto, può ruotare attorno al paziente acquisendo immagini simil-TAC ricostruite dal software in modalità 3D.

13 marzo 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy