Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 DICEMBRE 2018
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Campania. Cappiello (Anaao) su aggressioni medici: “Urgente tavolo con Prefettura, sindaco e organi di sicurezza competenti”

Tutte le strutture sanitarie della Regione ed in particolare di Napoli e Provincia sono sotto assedio ed è l’Ospedale Cardarelli al momento a pagare il prezzo più alto dove per il massiccio afflusso di pazienti si registra la maggior concentrazione di aggressioni sia fisiche che verbali. Di fondamentale importanza l’osservatorio permanente contro la violenza agli operatori, ma servono misure decise e certezza della pena per gli aggressori.

08 GIU - Continuano le aggressioni al personale sanitario in un clima di caccia alle streghe, non ci sono purtroppo “flash mob” che possano influenzare ne l’opinione pubblica ne l’utenza sempre più esasperata. L’escalation è inarrestabile, dai presidi di guardia medica alle ambulanze del 118, dal pronto soccorso ai reparti di degenza finanche le strutture ambulatoriali e senza distinzione di genere in quanto diverse sono le aggressioni anche al personale femminile, senza nessuna forma di riguardo e di rispetto, situazione che altro non si può definire come una forma di “deriva sociale”.

Tutte le strutture sanitarie della Regione ed in particolare di Napoli e Provincia sono sotto assedio ed è l’Ospedale Cardarelli al momento a pagare il prezzo più alto dove per il massiccio afflusso di pazienti si registra la maggior concentrazione di aggressioni sia fisiche che verbali.

Al netto delle condizioni di disagio che vivono pazienti e parenti emotivamente provati da malattia e tempi di attesa, non vi sono giustificazioni alla violenza perpetrata al personale sanitario, in alcuni casi complice anche l’eccessiva spettacolarizzazione che viene data alla medicina da parte di trasmissioni televisive e fiction che crea aspettative non sempre realizzabili.


Di fondamentale importanza l’osservatorio permanente contro la violenza agli operatori sanitari che registra quotidianamente le aggressioni, ma al di là dei numeri che danno una entità del fenomeno, servono misure decise e certezza della pena per gli aggressori.

In attesa di un riconoscimento di uno status giuridico di pubblico ufficiale per tutti i medici citati in narrativa, così come disciplinato dall’ex articolo 357 c.p. si richiede urgente tavolo istituzionale con prefettura, sindaco ed organi di sicurezza competenti, coinvolgendo le parti interessate per un opportuno confronto sulla problematica in oggetto.
 
Maurizio Cappiello
Consigliere Nazionale Anaao Assomed
Dirigente Medico P.S. – Obi A.O.R.N. A. Cardarelli – Napoli 


08 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy