Quotidiano on line
di informazione sanitaria
22 LUGLIO 2018
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Piemonte. Saitta: “Migliora la qualità della sanità regionale. Interventi più rapidi e sicuri”

L’assessore ha commentato i dati del programma Prevale, sviluppato dal Servizio Sovrazonale di Epidemiologia dell’Asl To3 in collaborazione con il Dipartimento di Epidemiologia del Lazio. Fra il 2015 e il 2017, nel servizio sanitario regionale la tempestività degli interventi per la frattura del femore è passata dal 58,6% al 66,6%, la quota di parti con taglio cesareo è scesa dal 26,7% al 19%, la tempestività dei Ptca è salita dal 64,1% al 79,0%.

22 GIU - Migliorano la qualità e la sicurezza della sanità piemontese secondo alcuni importanti indicatori fissati a livello ministeriale dal Piano nazionale esiti e utilizzati per valutare l'appropriatezza dell'assistenza sanitaria. A rilevarlo è il programma Prevale Piemonte, voluto dall'assessorato regionale alla Sanità e sviluppato dal Servizio Sovrazonale di Epidemiologia dell’Asl To3 in collaborazione con il Dipartimento di Epidemiologia del Lazio. I dati sono stati presentati pubblicamente questa mattina presso l'Aula magna delle Molinette di Torino.

“La qualità delle prestazioni erogate è stata inserita fin dal 2016 fra gli obiettivi dei direttori generali delle aziende sanitarie e gli indicatori hanno effettivamente registrato un miglioramento delle performance negli ultimi due anni”, evidenzia la Regione in una nota. In particolare, sono stati monitorati la tempestività degli interventi a seguito di frattura di femore nei pazienti con più di 65 anni, la proporzione di parti con taglio cesareo primario e la tempestività nell'effettuazione di angioplastica coronarica (Ptca) entro due giorni nei casi di infarto Stemi.


Fra il 2015 e il 2017, nel servizio sanitario regionale la tempestività degli interventi per la frattura del femore è passata dal 58,6% al 66,6%, la quota di parti con taglio cesareo è scesa dal 26,7% al 19,0%, la tempestività dei Ptca è salita dal 64,1% al 79,0%.

“Questi dati testimoniano che la qualità della sanità piemontese sta migliorando e quindi aumenta la sicurezza per i pazienti che si rivolgono al sistema sanitario - sottolinea l'assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta -. La scelta di inserire la qualità delle prestazioni erogate all'interno degli obiettivi dei direttori sta dando risultati molto positivi. La nostra intenzione è di proseguire su questa strada, estendendo ulteriormente questo metodo”.

Dallo scorso anno la valutazione della qualità delle prestazioni è stata inserita fra le regole di finanziamento negli accordi con le strutture private accreditate, con sistema di premialità o di penalità in settori come la chirurgia generale, la chirurgia oncologica, l'area cardiocircolatoria e l'area osteomuscolare.

22 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy