Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 OTTOBRE 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Verifca Piani di rientro. Calabria rimandata. Per ora niente Fas e spettanze residue

La bocciatura arriva dal Tavolo e dal Comitato per la verifica dei Lea che nel corso del consueto monitoraggio trimestrale tenutosi il 24 ottobre hanno sottolineato come la struttura commissariale non sia riuscita a rimuovere tutti gli ostacoli per l’attuazione del piano di rientro.

05 DIC - Il 24 ottobre scorso si è svolta la riunione congiunta del Tavolo tecnico per la verifica degli adempimenti regionali con il Comitato permanente per la verifica dei livelli essenziali di assistenza e la Regione Calabria, per esaminare la documentazione prodotta a seguito di quanto concordato nella riunione del 19 luglio 2011, aggiornare la stima a chiudere per l’anno 2011 ed effettuare la verifica adempimenti LEA.
Per il 2011 si profila buco da 20,775 mln. Ebbene, l’esame non è stato superato. Tavolo e Comitato oltre a segnalare come “per l’anno 2011 un disavanzo non coperto, comprensivo di tutti gli ammortamenti non sterilizzati, di 20,775 mln di euro che risulta inferiore rispetto a quello valutato nella riunione del 19 luglio 2011” hanno valutato “che non si sono realizzate le condizioni per l’accesso ai fondi FAS e per l’erogazione delle spettanze residue”. Le ragioni si questo diniego sono dettate dal fatto che “la Struttura commissariale ha provveduto solo in parte a revocare gli atti in contrasto con il piano di rientro e sono stati adottati, da parte della  struttura amministrativa regionale e delle aziende sanitarie, ulteriori provvedimenti in contrasto con il Piano di rientro e con le indicazioni fornite dalla Struttura commissariale”.

Rischio nomina uno più commissari ad acta. Nonostante la non erogazione Tavolo e Comitato hanno valutato “positivamente le azioni concretamente messe in atto al fine di certificare la posizione debitoria pregressa e le azioni di potenziamento del monitoraggio dei fatti contabili regionali e aziendali che stanno comportando progressivamente un miglioramento nella tempestività, nella regolarità e nell’attendibilità della loro rappresentazione”. Ma in ogni caso gli organi di verifica hanno evidenziato come “al fine di evitare che si creino i presupposti ai fini della procedura di nomina di uno o più commissari ad acta, Tavolo e Comitato invitano la gestione commissariale a porre in essere, il prima possibile, tutte le iniziative per superare le criticità e i ritardi tra i quali riveste particolare rilevanza l’adozione dei provvedimenti conseguenti l’attuazione del Decreto n.18 del 22.10.2010 “Approvazione delle tre reti assistenziali: G.01 Ospedaliera; G.04 Emergenza-Urgenza; G.02  Territoriale"
 
L.F.

05 dicembre 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy