Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 18 SETTEMBRE 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Sicilia. Medici fuori da specializzazioni formati dal Cefpas. Razza: “Iniziativa nel rispetto della legge e indispensabile per i cittadini”

Per tre mesi il Cefpas, Centro per la Formazione Permanente e l'Aggiornamento del Personale del Servizio Sanitario, organizzerà i corsi di formazione riservati a questa categoria di professionisti che poi verranno immessi con convenzioni in tutti gli ospedali siciliani e pagati con la stessa borsa che ricevono gli specializzandi. Per 24 mesi saranno formati con un training on the job che vedrà protagonisti anche tutti i medici dell'emergenza.

13 SET - In Sicilia, “i laureati in medicina che non entreranno nelle scuole di specializzazione faranno dei corsi di formazione al Cefpas di Caltanissetta (Centro per la Formazione Permanente e l'Aggiornamento del Personale del Servizio Sanitario, ndr) per lavorare nella medicina d’urgenza". Ad annunciarlo, nei giorni scorsi, è stato l'assessore regionale alla Sanità della Regione Sicilia, Ruggero Razza, che in un video pubblicato oggi su Facebook precisa: “Non è un meccanismo sostitutivo alla specializzazione, ma che si rivolge a quella platea imporante di medici che si laureano e abilitano, quindi che sono medici a tutti gli effetti, e che fanno un concorso per l’Emergenza sanitaria territoriale e quindi sono in grado di gestire le emergenze”, e oggi “attraverso questo metodo di formazione completeranno la loro formazione”.

I medici che avranno frequentato il corso verranno poi immessi con convenzioni in tutti gli ospedali siciliani e pagati con la stessa borsa che ricevono gli specializzandi. “Per 24 mesi saranno formati con un training on the job che vedrà protagonisti anche tutti i medici dell’emergenza”.

“La Regione in questo anno e mezzo - ha aggiunto l’assessore - ha fatto tantissimi concorsi. Abbiamo anche lanciato due concorsi di bacino per i medici di chirurgia e d'urgenza, però ogni volta riusciamo a coprire un numero inferiore di posti rispetto a quelli che sono necessari”.

Razza rassicura infine sulla qualità della formazione: “E’ un corso codificato dagli accordi collettivi nazionali, è previsto dalla legge”. La Regione “si è fatta carico di una proposta che tiene conto della necessità indispensabile di riconoscere diritti ai cittadini”.

13 settembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy